Giasone, l’antieroe. Secondo Alessandro Fusco

BLUorG, Bari – fino al 16 aprile 2016. La galleria pugliese ospita la personale del giovane Alessandro Fusco. Che, attraverso sperimentazioni fotografiche, riprende il mito degli Argonauti. Per scandagliare le contraddizioni dell’esistenza.

Print pagePDF pageEmail page

Alessandro Fusco – Forse ti vince l’assalto della paura - installation view at BLUorG, Bari 2016

Alessandro Fusco – Forse ti vince l’assalto della paura – installation view at BLUorG, Bari 2016

Il conflitto insito nell’umano percorso esistenziale, la simbologia tratta dall’universalità del mito, la fotografia come mezzo per un’incessante sperimentazione artistica che spazia nei campi della video-art e dell’architettura. Tutto questo converge nel linguaggio fotografico di Alessandro Fusco (Bari, 1990), che racconta, attraverso il celebre mito degli Argonauti, l’antitesi fra la dimensione eroica e la fragilità umana, causa di una degenerazione dell’etica. Vinto da una debolezza “umana troppo umana”, il Giasone rappresentato da Fusco come antieroe, nega a se stesso il raggiungimento della purificazione spirituale, lasciandosi sopraffare dall’ambizione, dalla brama di potere, dall’utilitarismo. Una conquista mancata, quella del Vello d’Oro, il quale giace, inviolato, nella solitudine di una timida alba, che rischiara appena paesaggi bucolici rarefatti e privi di qualsiasi presenza umana: ritratti racchiusi e “rinchiusi” in teche trasparenti.

Cecilia Pavone

Bari // fino al 16 aprile 2016
Alessandro Fusco – Forse ti vince l’assalto della paura
GALLERIA BLUORG
Via Marcello Celentano 92/94
080 9904379
[email protected]
www.bluorg.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/52443/alessandro-fusco-forse-ti-vince-lassalto-della-paura/

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community