Hour Interview, un’istallazione di cucito collettivo allo Spazio Y a Roma

Un'installazione temporanea, a Roma, allo Spazio Y del Quadraro. Sara Basta, attraverso il cucito collettivo, concepisce un allestimento corale in tre giornate d’incontri con il pubblico. Il progetto, hour interview, racconta le fasi costruttive dell'allestimento.

Print pagePDF pageEmail page

Dal 21 gennaio Spazio Y ha ospitato Abito lo spazio, in mostra dal 14 al 21 febbraio, ideato dell’artista romana Sara Basta (Roma,1979) e a cura di Simona Merra. Il progetto, site specific e work in progress, ha invitato i partecipanti a donare un pezzo di stoffa, come parte del proprio vissuto, per condividerlo con gli altri. Un momento di partecipazione alla creazione che innesca uno stretto legame con il luogo, rompendo la distanza tra creatore, opera e fruitore.
“Abito”, inteso come estensione del termine habitus, porta in sé il senso di un luogo che viene “vestito” conquistando una nuova identità. Le mani dei partecipanti alla performance, con lentezza ed estrema cura, hanno cucito tra loro le diverse stoffe e le hanno dato una forma, legata ai ricordi e ai racconti dell’atto poietico. Nel suo lavoro Sara Basta valorizza il processo del fare, concependo l’opera come portatrice di relazioni. Il suo processo creativo prevede spesso il coinvolgimento attivo di adulti e bambini. Il video racconta della connessione fra il pensiero dell’artista e l’esecuzione del contenuto dell’opera, attraverso l’azione dei partecipanti.

– Mauro Giovanni Piccinini

Roma, 21, 26 Gennaio e 6 Febbraio 2016
Hour Interview
Sara Basta, a cura di Simona Merra
Sound: Dal Verme feat, Calcutta e Mai Mai Mai
Progetto, testi e video di Mauro Giovanni Piccinini
Video editing di Antonio Pettinelli
Spazio Y Quadraro
Via Dei Quintili 144 Roma
342 09 54 011 / 338 89 39 661
www.hourinterview.eu
www.spazioy.com
[email protected]

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community