LandWorks Sardinia. Da Caprera a La Maddalena, studenti da cinque continenti in Sardegna: trasformata in un grande laboratorio sul paesaggio

Print pagePDF pageEmail page

C. Phongphit, The Cube, foto Christian Phongphit

C. Phongphit, The Cube, foto Christian Phongphit

Dal 2011 ogni anno un workshop operativo trasforma un paesaggio sensibile della Sardegna in un atelier a cielo aperto. In cui studenti, professionisti e comunità locali con installazioni site specific rileggono materiali e storia del luogo, in cerca di un possibile futuro. Una base militare in rovina sull’Isola di Caprera, una villa-fortezza abbandonata alla Maddalena, un’area mineraria dismessa a Montevecchio. Luoghi naturalmente, storicamente e culturalmente in transizione, sospesi tra un passato ormai esaurito e un futuro tutto da determinare. Sono questi alcuni fra i campi di azione di LandWorks Sardinia, workshop operativo di Land-architecture ideato e diretto da Stefan Tischer con il coordinamento di Annacaterina Piras (DADU – Dipartimento di Architettura, Design e Urbanistica, Università di Sassari). Un laboratorio en plen air a cadenza annuale, in cui sperimentare pratiche interdisciplinari per la riqualificazione e valorizzazione del paesaggio mediterraneo.
Dieci i giorni di lavoro sul campo, durante i quali studenti provenienti da cinque continenti – guidati da paesaggisti e architetti, artisti e designer, fotografi e filosofi – sono chiamati ad agire utilizzando solo – o quasi – le risorse del luogo. Dagli strumenti delle lavorazioni di un tempo, agli elementi naturali della macchia mediterranea, fino al sapere delle comunità locali. Un approccio on-site, intensivo, pratico e partecipativo. Che dal 2011 ha prodotto landmark, torri di avvistamento, gallerie a cielo aperto, giardini scultura, macchine percettive. Decine di installazioni ambientali effimere e non, complesse ed essenziali, di piccola e grande scala. Dispositivi attraverso cui evocare la memoria dei luoghi, rileggere e riscrivere il paesaggio. Spunti per narrazioni possibili. Nella sesta edizione – in programma dal 26 maggio al 5 giugno – LandWorks Sardinia proseguirà le sue sperimentazioni nel Parco Geominerario della Sardegna, dal 1997 Patrimonio Unesco. Terreno d’indagine, l’ex-impianto di flottazione del borgo di Masua (Iglesias), parte di un antico complesso minerario, oggi dismesso, lungo la costa sud-occidentale della Sardegna. Per chi è pronto a sporcarsi le mani, c’è tempo fino al 1 marzo per iscriversi.

Marta Atzeni


www.landworks.eu
Bando LandWorks Sardinia 2016

 

 

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community