Italiani in trasferta. Annamaria Gelmi protagonista a Innsbruck di Kunstraum Kirche 2016. In dialogo tra arte e sacro: ecco le immagini

Print pagePDF pageEmail page

Annamaria Gelmi, Kunstraum Kirche, Innsbruck

Annamaria Gelmi, Kunstraum Kirche, Innsbruck

Tutta la complessità del simbolo della croce racchiusa in un’opera d’arte contemporanea. Stiamo parlando dell’installazione Oltre il Sacro che l’artista trentina Annamaria Gelmi ha realizzato appositamente per l’edizione 2016 di Kunstraum Kirche: la rassegna che da venticinque anni a Innsbruck, durante la Quaresima, promuove il dialogo tra tradizione e modernità negli spazi sacri del Duomo di San Giacomo, invitando un artista internazionale. Qui Gelmi, non nuova all’utilizzo di questo simbolo nelle sue opere, spesso utilizzato nella sua produzione artistica dal 1989 ad oggi, ha realizzato una grande croce riflettente alla base dell’altare, in riferimento alla pulsione al trascendente, e una seconda croce, uguale e parallela alla prima, con l’aggiunta di un colore rosso luminoso, a sottolineare la tensione verso il mistero che è in ognuno di noi.
Due “perimetri” secondo la definizione dell’artista stessa, per ricordare, innanzitutto, le prime forme architettoniche, come la pianta delle costruzioni romane pre-cristiane, e solo in un secondo tempo l’associazione alla simbologia cristiana. Con il risultato finale di un’armonia assoluta tra segno primordiale di ordine cosmico e simbolo divino. In linea, dunque, con lo spirito della rassegna Kunstraum Kirche che vuole proporre una nuova visione di arte collegata alla chiesa, che non rimanga però subordinata alla fede, ma che con essa crei un concreto dialogo e un libero confronto.

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community