Arte & innovazione. L’editoriale di Christian Caliandro

“Di classi, sussulti, scatti, lacerazioni”. Così si potrebbe sottotitolare l’intervento di Christian Caliandro per la serie di interventi coordinati da Michele Dantini e dedicati al rapporto fra arte e innovazione. Rapporto che non si risolve finché restiamo in questa distopia sociale…

Print pagePDF pageEmail page

Gian Maria Tosatti, Sette Stagioni dello Spirito, 4. Ritorno a casa, 2015

Gian Maria Tosatti, Sette Stagioni dello Spirito, 4. Ritorno a casa, 2015

UNA CULTURA CLASSISTA
Uno dei nostri problemi principali, ogni volta che ragioniamo dello stato dell’arte e della cultura in generale nel nostro Paese, consiste nel profondo classismo della società italiana (naturalmente la questione non è confinata all’Italia). Esiste infatti una barriera evidentissima – eppure sempre sottaciuta – che impedisce di fatto in ogni modo ai ceti popolari (piccola borghesia; proletariato; sottoproletariato) o a quello che ne resta di accedere ai mezzi di produzione della cultura, e agli strumenti per la sua ricezione.
Questo aspetto centrale e al tempo stesso rimosso ha avuto e continua ad avere ovviamente un impatto devastante in termini di chiusura e di conservazione; occorre tenere presente infatti che nessuna prospettiva culturale autenticamente innovativa e trasformatrice è possibile se il ceto di appartenenza di chi dovrebbe elaborarla, articolarla e diffonderla rimane uno e uno soltanto. I dispositivi di comportamento e di pensiero saranno sempre e comunque orientati, in un modo o nell’altro, unicamente – al di là di ogni cambiamento di facciata – al mantenimento dello status quo, della condizione di privilegio e di esclusività (che individuano a loro volta l’esatto opposto del ruolo e della funzione della cultura).

Marta Roberti, Guardarsi dentro, 2015 - courtesy Doppelgaenger Gallery, Bari

Marta Roberti, Guardarsi dentro, 2015 – courtesy Doppelgaenger Gallery, Bari

DAL RECINTO ALL’ECOSISTEMA APERTO
È abbastanza ovvio: l’arte, in questo Paese (e non solo, ripeto), è da decenni in mano alle classi più agiate. E, rimanendo nel nostro territorio, ciò vuol dire qualcosa di molto pratico: le mostre; le principali istituzioni; le posizioni e i processi decisionali; i “premi”; tutto ciò che insomma costituisce il famoso gatekeeping. Dice: ma non è vero; ci sono un sacco di artisti e curatori che non appartengono a famiglie benestanti; e come ti permetti di affermare una cosa del genere; ecc.
Benissimo: ma la stragrande maggioranza di quegli artisti e di quei curatori da molto tempo non fanno altro che spingere per essere inclusi, accettati proprio all’interno di quella logica e di quel recinto, perché quei famosi cancelli si aprano almeno per loro (senza fare quasi nulla per contribuire a immaginare e costruire un altro spazio di azione e di ricerca: che magari non sia più un recinto o uno spazio concentrazionario ma un ecosistema aperto) – aderendo dunque, consapevolmente o meno, a una precisa ideologia, tanto più potente perché saggiamente ha dismesso ogni orpello “ideologico”.
Al di là di ciò che pensiamo e delle parole d’ordine maggiormente in voga (gli elementi fondamentali peraltro, da che mondo è mondo, di ogni ideologia), senza un’articolata, concreta, operativa, realistica coscienza di classe non si costruisce immaginario e non si costruisce proprio alcuna coscienza artistica.

DECORAZIONE E IGNORANZA
Come ci si può aspettare allora qualcosa come una sana “ribellione culturale”, vale a dire la sostanza di ogni approccio radicalmente innovativo? L’unica cosa che ci si poteva ragionevolmente attendere in una situazione storica come quella che si è venuta a creare coincide esattamente con ciò che oggi abbiamo sotto gli occhi: un’arte in maggioranza totalmente decorativa, infantile, immatura, passivamente appiattita su istanze che appartengono ad altre generazioni. E, forse, ad altre forze – che non sono quelle creative.
Eppure, contemporaneamente, accade che nell’Italia degli ultimi dieci anni siano stati pubblicati per esempio alcuni dei romanzi più importanti dell’Occidente (e in pochi sembra che in fondo se ne siano accorti); anche l’arte visiva, ovviamente, sta esprimendo con fatica risultati notevoli: quantomeno, presagi e annunci significativi di ciò che verrà. Per quanto mi riguarda, anche se è superfluo sottolinearlo, essi corrispondono in gran parte alle opere e agli autori che ho riunito nella serie di articoli monografici Critica come fraternità (qui l’ultimo della serie, e nei related post i precedenti).
Dalla fraternità, tra le (molte) altre cose, ho imparato a scavare. Ho imparato che ogni minimo sussulto, ogni scatto – per quanto inconsulto, rabbioso, apparentemente maleducato e ignorante – ha più importanza di ogni compitino ben svolto, e per il quale serve il solito odioso libretto d’istruzioni. Perché è di questo che stiamo parlando, no? Conquistare autonomamente una zona al di là del fallimento, oppure anelare all’elargizione del premio. Da parte, sempre, di qualcun altro.

Nero, Red Home China, 2015

Nero, Red Home China, 2015

NON C’È INNOVAZIONE NELLA DISTOPIA
Come si esce dall’impasse presente? Come si risolve questa contraddizione tra due sistemi di valori incommensurabili? In modo al tempo stesso molto semplice e molto complesso – costruendo con pazienza tenacia e abilità un intero nuovo immaginario in cui far planare, atterrare la psiche collettiva della nazione. L’immaginario è il telaio, la struttura fondamentale in grado di sorreggere un orientamento alternativo; di costruire i presupposti e le precondizioni per una transizione sensata e sostenibile. È chiaro quanto e come, per un’operazione collettiva di questo tipo (che richiede certamente tempi lunghi: una ventina o una trentina di anni almeno), sia cruciale riaffermare il potenziale trasformativo dell’oggetto culturale – inteso anche e soprattutto come processo. La sua capacità latente, oscura, allucinata di intervenire nel tessuto della realtà e delle relazioni umane, per illuminarli e mutarli dall’interno: “L’opera d’arte è una liberazione, ma perché è una lacerazione di tessuti propri ed alieni. Strappandosi, non sale in cielo, resta nel mondo. Tutto perciò si può cercare in essa, purché sia l’opera ad avvertirci che bisogna ancora trovarlo, perché ancora qualcosa manca al suo pieno intendimento” (Roberto Longhi, Proposte per una critica d’arte, 1950).
E in che cosa si sostanzia questa – per ora fantasmatica – transizione? Innanzitutto, è inutile e pericoloso distinguere tra varie tipologie di innovazione: tanto per fare un esempio, non può esistere alcuna innovazione culturale all’interno di una sorta di distopia sociale. Le dimensioni dell’innovazione culturale, politica, sociale, economica si sostengono a vicenda e tendono a sovrapporsi e a coincidere. Il modello ideale, in questo senso, rimane sempre e comunque quello delle sottoculture: qualcosa che il nostro Paese, non a caso, ha conosciuto a differenza di altri finora in forma unicamente embrionale e subliminale.

Christian Caliandro

“Arte & innovazione” è un ciclo di interventi a cura di Michele Dantini

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community
  • Whitehouse Blog

    Già proporre una riflessione su arte e innovazione e scegliere artisti “giovani”-ma già vecchi, imprigionati dentro a meccanismi vecchi e superati, mostra il fianco a diverse critiche.
    UNA CULTURA CLASSISTA
    Il problema non è l’accesso agli strumenti (cosa che avviene ampiamente) ma l’assenza di senso critico nell’usare tali strumenti. Aggiungo anche le oligarchie di potere (piccole e grandi) che impediscono un sistema meritocratico.
    DAL RECINTO ALL’ECOSISTEMA APERTO
    Quando nel 2009 uscii dal recinto alcuni (come per esempio Tosatti) cercarono di usare le mie riflessioni per essere ammessi nel recinto. Ma il recinto è destinato a illudere e deludere (questa era la lezione che doveva essere digerita). L’innovazione è già in atto ma non la volete o potete vedere.
    DECORAZIONE E IGNORANZA
    L’innovazione non è certo negli artisti che vengono indicati nell’articolo. Si continua a predicare benino e a razzolare male. Poi non ci si può sempre lamentare.
    NON C’È INNOVAZIONE NELLA DISTOPIA
    La distopia va risolta attraverso un nuovo approccio formativo come spazio di opportunità e non come aula didattica. Tale approccio va diretto alla formazione del pubblico e degli artisti. Ma ovviamente tutti coloro che hanno studiato arte, in accademie e scuole d’arte, sono le persone meno preparate per capire e fare questo. Il mio blog sta lavorando da 7 anni nel risolvere questa distopia, ma ovviamente siamo ostracizzati perché proprio i più giovani (vedi esempio perfetto la redazione di Artribune) sono quelli più impauriti e reazionari. Troppo grande la paura di perdere anche quella piccola briciolina di lavoro in più.

    • Caterina Porcellini

      Certo, sei ostracizzato.
      Sempre qui, ma ostracizzato.
      A scrivere ampiamente delle tue iniziative, ma ostracizzato.
      (A proposito di distopie irrisolte, eh, anche il tuo approccio ai commenti e ai temi da dibattere è piuttosto “totalitario”…)

      • Whitehouse Blog

        Cara Caterina, queste problematiche come quelle affrontate dal Forum di Prato, sono state poste dal mio blog e da numerosi articoli su riviste specializzate nel 2009. Ma il punto non è chi lo dice prima quanto impostare un confronto inclusivo e fattivo. Questo Artribune non lo stanno facendo. A buon intenditor poche parole.

  • Angelov

    L’immaginario collettivo è la mente che tutti: artisti e non, hanno in comune. Agire su di esso direttamente è impossibile; indirettamente è insensato, poiché esso è una risultante indotta da processi anche inconsci etc
    Quindi?
    Le vie del Signore sono infinite, e non tutte portano a Roma…