Spettacoli, performance, ma anche installazioni in spazi urbani non teatrali. Ecco la call per partecipare al Festival Trasparenze: a Modena, a maggio 2016

Print pagePDF pageEmail page

Trasparenze (foto Chiara Ferrin)

Annuncio pubblico, in origine gridato dal banditore, oggi notificato con avviso a stampa”: il Vocabolario Treccani riassume l’oggetto che, nel caso di Trasparenze, è destinato a compagnie, creativi professionisti e artisti, non per forza teatrali. L’obiettivo è la partecipazione alla quarta edizione del Festival organizzato dal Teatro dei Venti, che si terrà a Modena nel mese di maggio 2016. Nell’edizione in arrivo, Trasparenze intende “concentrare la propria attenzione sulla Città come ‘corpus unico’, non solo coinvolgendo i luoghi di aggregazione sociale, ma anche i ‘vuoti urbani’ che ancora non hanno una destinazione precisa”.
Il bando vuole raccogliere proposte artistiche che possano essere realizzate in contesti urbani e nasce con l’obiettivo di “dare visibilità alla molteplicità dei linguaggi della scena contemporanea, rinnovando la relazione tra cittadinanza e produzione culturale”. A questo scopo è richiesta la presentazione di progetti artistici che consistano principalmente in performance, interventi site-specific, installazioni artistiche, architettura di comunità e spettacoli di strada. Una nota importante degli organizzatori: “Gli interventi proposti devono avere tutte le caratteristiche indispensabili per essere realizzati in contesti urbani. Non saranno ritenute accettabili proposte ideate per spazi convenzionali e adattati per questo bando”. Deadline: 22 gennaio 2016.

Michele Pascarella

www.trasparenzefestival.it

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community