Netflix annuncia l’espansione a livello mondiale. Ma il giovane regista canadese Xavier Dolan coglie in fallo a piattaforma per una proiezione streaming in formato sbagliato

Print pagePDF pageEmail page

Xavier Dolan

Xavier Dolan

L’enfant prodige del cinema canadese Xavier Dolan ha girato Mommy, Premio della Giuria al 67° Festival di Cannes, con un aspect ratio di 1:1, un formato davvero inusuale e claustrofobico che comprime l’immagine in un quadrato perfetto. Il fatto buffo è che il regista, proprio nei giorni in cui Netflix ha annunciato in pompa magna la sua espansione worldwide, ha scoperto che la piattaforma inglese stava proiettando il suo film in streaming in un formato diverso, stravolgendo completamente le dinamiche narrative, soprattutto relativamente ad una scena specifica dove “il quadrato” si allarga temporaneamente in un aspect ratio di 1:85.
Forzando il mio film in una pillar-box permanente (le bande nere verticali ai lati dell’immagine)”, ha detto il regista, “avete disinnescato il contenuto emotivo di quella scena, trascurando il fondamentale sentimento di oppressione sociale che quella ratio permetteva di ottenere, e avete fatto risultare tagliati i titoli di coda”. Dolan, che tutto questo l’ha fatto a colpi di tweet pubblici, ci è andato pesantuccio, aggiungendo (come anche sosteneva il grande Samuel Goldwyn) di non sottovalutare le capacità di lettura del pubblico. “Potete tagliare e modificare i vostri show quanto vi pare, ma non toccate i miei film. Il pubblico è più intelligente di quanto pensiate”. Se volete dare un’occhiata, ecco la lettera completa che è circolata in questi giorni sui social…

Federica Polidoro

La lettera di Dolan

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community