Sfida ai canoni tradizionali. Louis Cane a Roma

Galleria T293, Roma – fino al 30 gennaio 2016. Il maestro francese, in passato tra gli esponenti del gruppo Support/Surface, propone i suoi ultimi lavori. Indagando le modalità con cui l’arte tradizionale può essere sfidata e decostruita.

Print pagePDF pageEmail page

Louis Cane - Barley Sugar - veduta della mostra presso la Galleria T293, Roma 2015 - photo Roberto Apa

Louis Cane – Barley Sugar – veduta della mostra presso la Galleria T293, Roma 2015 – photo Roberto Apa

Chi apprezza gli allestimenti minimali non può perdersi la personale romana di Louis Cane (Beaulieu-sur-Mer, 1943; vive a Parigi). La sua più recente produzione – parliamo di uno degli esponenti del movimento della seconda metà degli Anni Sessanta Support/Surface – si incentra su minute sculture in bronzo e su un piccolo numero di dipinti, che sfidano tradizione e prolissità. Con la ben nota volontà di mettere in discussione le finalità e i processi artistici, Cane inserisce nei propri lavori una componente disorientante. Figure femminili sono plasmate in posizioni non ordinarie, accoppiate a contenitori di spray insetticida. Le loro forme, infantilmente ironiche, si scontrano con i canoni tradizionali, come avviene nelle tele composte da resina e rete metallica, che, decostruite, vedono la loro struttura messa a nudo.

Francesca Castiglia

Roma // fino al 30 gennaio 2016
Louis Cane – Barley Sugar
T293
Via Crescimbeni 11
06 88980475
[email protected]
www.t293.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/50466/louis-cane-barley-sugar/

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community