Il Giorno della Memoria, al cinema. Arriva nelle sale The Eichmann Show, film sul processo al criminale nazista che sterminò 6 milioni di ebrei

Print pagePDF pageEmail page

The Eichmann Show

Il film di Giulio Ricciarelli, Il Labirinto del Silenzio, non ce l’ha fatta ad entrare nella cinquina degli Oscar, forse troppo patinato per essere un dramma giudiziario su Auschwitz. Il figlio di Saul, pellicola di Laszlo Nemez ambientata in un campo di concentramento e a breve nelle sale italiane, non solo è nella cinquina, ma dopo il Grand Prix a Cannes, il Golden Globe e una sfilza di premi in tutti i festival del mondo, ha tutta la strada spianata per vincere come Miglior Film Straniero. Nel frattempo che si aspettano i risultati delle candidature, per festeggiare il Giorno della Memoria in Italia, la Lucky Red porterà al cinema, solo per tre giorni, dal 25 al 27 gennaio, The Eichmann Show, un film sul caso giudiziario del secolo, quello che vide il processo pubblico, primo diffuso via televisione, al criminale nazista Adolf Eichmann, colpevole di aver sterminato 6 milioni di ebrei.

LA TRAMA
Gerusalemme 1961. Il produttore televisivo Milton Fruchtman (Martin Freeman) assume il regista Leo Hurwitz (Anthony LaPaglia) per occuparsi delle riprese TV del processo al criminale Adolf Eichmann, dove si sarebbe assistito, per la prima volta, alle testimonianze scioccanti dei sopravvissuti alle stragi naziste. Il risultato di questa importante operazione fu che l’80% della popolazione tedesca guardò il programma, che venne trasmesso su tutte le reti in USA e Gran Bretagna, ma soprattutto che ,finalmente, dopo 16 anni dalla fine della guerra, si cominciò a parlare apertamente dell’Olocausto. Il processo del secolo, come poi venne chiamato, fu trasmesso in 37 Paesi.

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community