Bologna Updates: il mio amico David Bowie, bello come un angelo. Ad Arte Fiera il grande coreografo Lindsay Kemp ricorda l’amico scomparso: “50 anni di collaborazioni”

Print pagePDF pageEmail page

Lindsay Kemp racconta il suo David Bowie, Bologna, Arte Fiera 2016

Lindsay Kemp racconta il suo David Bowie, Bologna, Arte Fiera 2016

David diceva sempre: Lindsay mi ha salvato dal rasoio! Questo perchè lui era buddhista, e da ragazzo aveva pensato di ritirarsi in un monastero in Scozia a meditare, e si sarebbe rasato i capelli a zero. Invece poi ci conoscemmo, lui seguì le mie lezioni di danza, io gli insegnai ad esprimere sé attraverso corpo, a comunicare attraverso il corpo”. È ricchissima di aneddoti, l’improvvisata conferenza stampa con la quale Arte Fiera presenta il grande coreografo Lindsay Kemp, invitato a collaborare alle celebrazioni di David Bowie che quest’anno caratterizzano la rassegna bolognese.
I miei legami con Bologna? Pensate solo che è qui che ho visto per l’ultima volta David vivo”, rivela Kemp. Erano legati da un rapporto strettissimo, iniziato quando il grande cantante era ancora un ragazzo: “Una mia amica mi regalò il suo primo disco, che pochissimi in verità allora avevano acquistato. Lui quando lo seppe ne fu felicissimo, e venne in teatro ad assistere al mio spettacolo. Allora aveva 19 anni, ed era bellissimo: quando venne a trovarmi in camerino, fui folgorato. Mi pareva l’Arcangelo Gabriele che appare alla madonna”.
La conferenza si trasforma in show, il coreografo canta brani di When i leave my dream: “all’inizio del nostro rapporto, lo invitai a collaborare ad alcuni miei spettacoli: sui cartelloni il mio nome era a caratteri cubitali, il suo piccolissimo. Anni dopo fu lui ad invitarmi a collaborare a Ziggy Stardust: ma in qual caso il suo nome era scritto enorme, il mio molto più piccolo!”.

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community