Giampiero Bodino. L’ala creativa del Gruppo Richemont

Museo Bagatti Valsecchi, Milano – fino al 17 gennaio 2016. Le stanze ottocentesche del museo ospitano i lavori ispirati alla storia e alle diverse “famiglie” del palazzo. Disseminando fra gli arredi dipinti a olio, foto e disegni, il direttore creativo del Gruppo Richemont ritrae non solo dettagli, ma anche lo spirito del tempo di una dimora che ne è sempre rimasta al di fuori.

Print pagePDF pageEmail page

Giampiero Bodino – Imago non fugit - veduta della mostra presso il Museo Bagatti Valsecchi, Milano 2015

Giampiero Bodino – Imago non fugit – veduta della mostra presso il Museo Bagatti Valsecchi, Milano 2015

Imago non fugit si presenta come un progetto plasmato per la casa-museo di via Gesù, senza risultare un fattore assorbito, fagocitato dalla magniloquenza di arredi e suppellettili, presenti nelle sale meta-cinquecentesche del palazzo, ma nemmeno un elemento a se stante. Giampiero Bodino (Torino, 1960), attraverso settanta lavori, rende omaggio all’iconografia del tempo di un luogo abitato. Adibito all’espansione, alla declinazione della forma. Il direttore creativo del Gruppo Richemont – qui trovate una sua intervista –, con sette dipinti a olio, trentadue foto e trentasette disegni (trentadue nella saletta espositiva, quattro nel Salone d’onore e uno nella Galleria delle armi), dedica alla ricerca del dettaglio un affinamento delle proprie ricerche; evidenziando attraverso l’utilizzo di un tratto talvolta nudo, rude e poi ammorbidito dai colori a olio, il ritratto di immagini come oggetti del tempo fuori dal tempo.

Ginevra Bria

Milano // fino al 17 gennaio 2016
Giampiero Bodino – Imago non fugit
MUSEO BAGATTI VALSECCHI
Via Gesù 5
02 76006132 
[email protected]
www.museobagattivalsecchi.org

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/50062/giampiero-bodino-imago-non-fugit/

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community