Miami Updates: Art Basel Miami Beach 2015 è una delle più belle fiere di sempre. Merito di Noah Horowitz, il nuovo direttore

Print pagePDF pageEmail page

Noah Horowitz

Noah Horowitz

L’edizione 2015 di Art Basel Miami Beach, lo abbiamo sottolineato e spiegato, è stata funestata da una serie di circostanze politico-ambientali che hanno mortificato le potenzialità commerciali della fiera. Il mercato non è andato granché, distante anni luce dalle frizzantezze degli scorsi anni. Ciononostante la fiera è risultata non banalmente bella, non banalmente la migliore Art Basel Miami Beach mai vista, ma anche una delle migliori edizione di fiere in assoluto degli scorsi anni.
Ma cosa è cambiato a Miami rispetto agli anni passati? La fiera è cresciuta, è in progressione, ha perso il suo spirito volgarotto e scanzonato maturando molto. Ma soprattutto è cambiato il direttore. Dalla scorsa estate (e dunque non ha avuto neppure un anno di tempo) è Noah Horowitz il nuovo capo della fiera per Miami e per le Americhe, un capo che lavora in stretto contatto con la casa madre di Basilea, ma che ha una sua autonomia gestionale.
Horowitz viene da New York dove, dal 2011, ha diretto l’Armory Show riuscendo a risollevarlo dalle secche in cui era finito e contrastando con successo l’arrivo in forze di Frieze. Prima di questa altra esperienza come direttore di fiera, Horowitz era stato protagonista di un progetto innovativo come la Vip Art Fair, l’esperimento – oggi archiviato – di una fiera d’arte esclusivamente online. Oggi, dopo tutte queste esperienze, il 36enne curatore, storico e scrittore (suo il volume sul mercato dell’arte Art of the Deal – Contemporary Art in a Global Financial Market) firma una delle kermesse fieristiche migliori di sempre.

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community