L’anno che sta passando, in 12 immagini. Da Charlie Hebdo a Carol Rama, fatti, eventi e personaggi che hanno segnato il 2015 nell’arte

Print pagePDF pageEmail page

L'insegna del Bataclan, intitolata alle vittime di Charlie Hebdo

L’insegna del Bataclan, intitolata alle vittime di Charlie Hebdo

1 – La violenza mette Parigi al centro dell’attenzione fin da inizio anno: il 7 gennaio l’attentato alla redazione parigina del settimanale satirico Charlie Hebdo uccide dodici persone. Il terrorismo colpisce anche la creatività, nemico difficile da vincere con la dialettica. Passano 11 mesi, ancora Parigi, ancora terrorismo, ancora creatività nel mirino: 13 novembre, durante un concerto degli Eagles of Death Metal, al teatro Bataclan un attacco di un gruppo armato vicino all’Isis lascia a terra 89 vittime.

Il ministro Franceschini con i 20 direttori dei maggiori musei italiani

Il ministro Franceschini con i 20 direttori dei maggiori musei italiani

2 – La procedura attraversa quasi tutto il 2015, certe dinamiche avrebbero potuto essere un po’ più snelle: ma è indubbio che il bando per la scelta dei direttori dei primi 20 musei italiani resta uno dei fiori all’occhiello del ministro Franceschini e uno degli eventi più notevoli in Italia

L'opening del Broad Museum, Los Angeles (foto Giorgia Mannucci)

L’opening del Broad Museum, Los Angeles (foto Giorgia Mannucci)

3 – L’inaugurazione era stata rinviata ormai da qualche anno, e questo non faceva che accrescere l’attesa: alla fine l’inaugurazione del Broad Museum a Los Angeles arricchisce il mondo dell’arte di un riferimento imprescindibile

Aylan Kurdi – © LaPresseReuters

Aylan Kurdi – © LaPresseReuters

4 – Il tema è delicatissimo, facile cadere nella retorica, e nel rischio di strumentalizzazione emotiva: ma l’immagine del corpo del bambino migrante morto su una spiaggia turca scuote le coscienze e delinea nuovi panorami di pregnanza visuale

Okwui Enwezor

Okwui Enwezor

5 – Non ha certo convinto tutti, ma la Biennale di Venezia Arti Visive curata da Okwui Enwezor ha riacceso un dibattito spesso tendente al sopore. Fissando anche un nuovo record a oltre 500mila visitatori

Veduta della mostra alla Fondazione Prada di Milano - Francesco Vezzoli, Senza titolo (La Dolce vita. In scena René Magritte), 2008

Veduta della mostra alla Fondazione Prada di Milano – Francesco Vezzoli, Senza titolo (La Dolce vita. In scena René Magritte), 2008

6 – È da tempo uno degli attori di maggior prestigio nel panorama italiano del contemporaneo (e non solo). Ora che la Fondazione Prada si è fatta anche una sede importante come quella progettata a Milano da Rem Koolhaas, è scontato citarla fra gli eventi dell’anno

Veduta notturna del padiglione del Regno Unito all'Expo di Milano (foto Anna Mattioli)

Veduta notturna del padiglione del Regno Unito all’Expo di Milano (foto Anna Mattioli)

7 – Se ne è parlato per mesi, le immagini hanno fatto il giro del mondo: cosa inevitabile del resto per qualcosa che si chiama Esposizione Universale, che ha portato in alto Milano e l’Italia

Jeff Koons, Pluto and Proserpina - Piazza della Signoria, Firenze 2015

Jeff Koons, Pluto and Proserpina – Piazza della Signoria, Firenze 2015

8 – Artribune ha lanciato l’appello perché una delle sculture resti in permanenza a Piazza della Signoria: ma non è (solo) per questo che l’intervento di Jeff Koons a Firenze merita di essere ricordato

Khaled al-Asaad

Khaled al-Asaad

9 – Il primo pensiero deve andare a Khaled al-Asaad, il capo degli archeologi del sito barbaramente ucciso dai miliziani dell’Isis. Ma il 2015 resterà comunque nella storia per le gravi devastazioni al patrimonio storico-archeologico, specie a Palmira

Il Tempio della Pace di Roma dopo l'anastilosi delle colonne

Il Tempio della Pace di Roma dopo l’anastilosi delle colonne

10 – Roma ricostruisce sette colonne del Foro della Pace ai Fori Imperiali. Qualcuno critica la scelta dell’anastilosi, altri plaudono

L'annuncio di Ai Weiwei su Instagram

L’annuncio di Ai Weiwei su Instagram

11 – Un fatto personale, quasi privato, che però assurge a fortemente simbolico, per il personaggio e per l’autorità che ne sono protagonisti: a luglio 2015 la Cina restituisce il passaporto ad Ai Weiwei

Carol Rama - PEPE fotografia

Carol Rama – PEPE fotografia

12 – Ci piace salutare qui ancora una volta una grandissima protagonista del secolo breve come Carol Rama, morta a settembre a 98 anni. Ma il 2015 segna molti addii importanti, da Ellsworth Kelly a Salvo, Hilla Becher, Elio Fiorucci, Chris Burden

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community
  • Whitehouse Blog

    imprescondibile?

    • Caterina Porcellini

      Grazie, corretto il refuso. :)