La moda e le sue forme. Secondo Maria Luisa Frisa

La moda è morta? Di cosa parliamo oggi quando parliamo di moda? Come ogni buon esercizio scientifico, in questo libro si parte dal dubbio. E ci si muove in un mondo abitato da mannequin, stilisti, couturier e fashion victim. Un viaggio e una guida fatta di incontri e racconti soprattutto umani. Alla guida, Maria Luisa Frisa.

Print pagePDF pageEmail page

Bellissima - veduta della mostra presso il MAXXI, Roma 2015

Bellissima – veduta della mostra presso il MAXXI, Roma 2015

È un piccolo libro indispensabile, Le forme della moda di Maria Luisa Frisa, e ha una dimensione perfetta per rispondere e fare chiarezza sulla vita della moda contemporanea: la collana de il Mulino si chiama Farsi un’idea ed è concepita per fornire le informazioni necessarie a conoscere fenomeni con cui conviviamo inconsciamente, a leggerli per sapere e vivere consapevolmente, dare concetti chiari in formula breve ma profonda. Una scelta intelligente, un’occasione divulgativa che dimostra ancora una volta la capacità dell’unica figura italiana di vera critica e curatrice della moda.
Maria Luisa Frisa assolve da tempo al compito non facile di dare consistenza e credibilità artistica e culturale, oltre che economica, alla moda: operazione difficile nel nostro Paese ancora perplesso e poco sicuro delle proprie potenzialità. Viviamo con un patrimonio che tutto il mondo ci riconosce come unico e spesso non sappiamo nulla di più di quello che vediamo sui red carpet. Compriamo giornali che sfogliamo senza renderci conto di quello che significhi fare un servizio di moda, dalla fotografia alla scelta di una modella. Non tutti sanno cos’è uno stylist ma le scuole che propongono formazione hanno sempre più successo nella proposta di professioni parallele a quella del vero e proprio designer; lamentiamo la mancanza di mano d’opera artigianale ma non sappiamo dove e come lavorano.

Maria Luisa Frisa - Le forme della moda - il Mulino

Maria Luisa Frisa – Le forme della moda – il Mulino

Così il merito principale di questo volume sta proprio nel dare una corretta e interessante informazione su un mondo che attira i giovani, che produce talenti e che muove l’economia nazionale in modo esponenziale e in continua evoluzione geografica.
Otto capitoli per 140 pagine che si leggono con la passione di un romanzo più che di un saggio: le forme della moda sono quelle del lusso contemporaneo, del lavoro, dell’etica professionale, dello stile e della cultura. Una serie di temi fondamentali divisi in paragrafi brevi e chiari, tanto da rappresentare allo stesso tempo un manuale e un testo storico, fondamentale sia per chi fa o farà parte di questo mondo, sia per quella famosa cultura generale sempre più assente dalla nostra esistenza.
Un lavoro evidentemente basato sulla forza dell’esperienza oltre che della reale conoscenza, sul sapere di chi dirige un corso di laurea in Design della Moda e Arti multimediali e che quindi sperimenta da tempo la formazione con gli studenti e che genera informazione per tutti con pubblicazioni, articoli e mostre come Bellissima. L’Italia dell’alta moda 1945-1968, partita dal Maxxi di Roma come prima mostra di moda in un museo delle arti contemporanee italiano.

Maria Luisa Frisa

Maria Luisa Frisa

Maria Luisa Frisa è stata capace di “sbrogliare la matassa” del fashion system con decisione in un momento dove alla non conoscenza si aggiunge un caos di ruoli che non consente di costruire un futuro chiaro. Capire cos’è un atelier, “luogo dove è difficile segnare il confine tra abito e corpo, tra vita e vestito, tra invenzione e realizzazione”, come comprendere l’errore di concepire solo tecnicamente la modellistica, limitandone la sua forza culturale, approfondire il legame fra arte e moda da Coco Chanel e Jean Cocteau a Marc Jacobs e Takashi Murakami per Louis Vuitton sono concetti che ci consentono di riappropriarci di qualcosa che è parte della nostra storia e delle nostre radici più forti. Il nostro “saper fare” non può più prescindere dallo studio, così il libro sposta in un’altra dimensione l’agire spontaneo che sia il semplice acquisto come scegliere una professione.
Come dice l’autrice: “Parlare di moda non vuole dire parlare solo di vestiti”.

Clara Tosi Pamphili

Maria Luisa Frisa – Le forme della moda
il Mulino, Bologna 2015
Pagg. 142, € 11
ISBN 9788815258168
www.mulino.it

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community