BBC Music Awards 2015. Il trionfo di Adele

Grande show a Birmingham, il 10 dicembre, per i BBC Music Awards. Una sfilza di esibizioni e poi quattro categorie per premiare il meglio della musica pop nel 2015…

Print pagePDF pageEmail page

Seconda edizione per i BBC Music Awards, evento promosso dalla BBC Music, divisione musicale dell’emittente britannica BBC: ogni anno, tra folle in visibilio e decine di prestigiose nomination, vengono scelti i “best of” della musica pop, in riferimento ai dodici mesi appena trascorsi. Lo scorso 10 dicembre lo show si è svolto dinanzi alla platea dellaGenting Arena di Birmingham, con una sfilza di attesissime esibizioni: dai OneDirection agli Sterophonix, da RodStweart a Jack Garratt, da Omi a Paul Heaton.

Adele

Adele

Festeggia un doppio riconoscimento Adele, a cui certo non ha portato sfortuna la spassosa campagna sui social, che ironizza a colpi di meme sul suo romantico singolo Hello. A lei è andato il titolo di “British Artist of The Year”, ma anche quello di “Live Performance Of The Year”, vinto grazie allo speciale “Adele at the BBC”, andato in onda lo scorso 20 novembre, stesso giorno in cui usciva l’album “25”: si è trattato, in due anni, della sua unica esibizione live per il piccolo schermo, nonché della prima presentazione pubblica di Hello. Un pezzo intenso e ben costruito, che è già diventato un delizioso tormentone, come da copione per la fortunata produzione dell’artista.

Ad aggiudicarsi il titolo di “International Artist of The Year”, battendo gente come Prince e i Foo Fighters, è stata invece Taylor Swift, cantautrice americana, venticinquenne, premiata lo scorso agosto con ben 4 statuette (su 13 nomination) agli MTV Video Music Awards. A ottobre 2015 il video del singolo Blank Space è stato il più visualizzato al mondo sulla piattaforma Vevo.

Miglior brano dell’anno è invece l’energico, disperato Take Me To Church, dell’irlandese Hozier, una ballata intrisa di atmosfere blues, in cui si mescolano riferimenti religiosi, sofferenze d’amore, suggestioni tra morte e resurrezione, con un videoclip – diretto da BrendanCanty – che affronta il tema dell’omofobia.Tra i vari riconoscimenti collezionati nel giro di due anni brilla anche una candidatura alla 57ª edizione dei Grammy Awards (categoria Canzone dell’anno), suggellata da un duetto tra Hozier ed Annie Lennox.

Al singolo si era appassionato anche David LaChapelle, che lo aveva scelto per un suo lavoro di video-danza, interpretato dal ballerino Sergei Polunin.
Nell’edizione 2014 dei BBC Music Awards avevano trionfato Ed Sheeran, come miglior artista britannico, e Pharrell Williams nella categoria internazionale.

Helga Marsala

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community