Visibile Award, 25mila euro al collettivo aborigeno The Karrabing Film Collective. Format democratico per il premio di Fondazione Zegna e Cittadellarte, alla Tate Liverpool

Print pagePDF pageEmail page

Karrabing Film Collective, Salt, 2015 Visible Award, courtesy of the artists

Karrabing Film Collective, Salt, 2015 Visible Award, courtesy of the artists

È il primo premio europeo che valorizza le pratiche artistiche socialmente impegnate, passando in rassegna esperienze internazionali e dinamiche globali. Visibile Award, curato da Matteo Lucchetti e Judith Wielander, è un progetto sostenuto da Cittadellarte – Fondazione Pistoletto e Fondazione Zegna, giunto quest’anno alla sua terza edizione.
Caratterizzato da una chiara vocazione democratica, sperimentale e comunitaria, il premio ha visto in azione lo scorso 31 ottobre una giuria speciale – composta da artisti, esperti e utenti di azioni artistiche socialmente engagé – riunitasi in una forma insolitamente pubblica, negli spazi della Tate Liverpool. Non la classica commissione che delibera a porte chiuse, ma una sorta di parlamento provvisorio che – dinanzi a una platea e in forma di evento – si è cimentato con una discussione spalmata lungo un giorno intero, nel tentativo di mettere a fuoco criteri di valutazione, riflessioni, procedure di analisi intorno ai rapporti tra arte e società.

Visible Awards, Tate Liverpool - ph. Pete Carr

Visible Awards, Tate Liverpool – ph. Pete Carr

PREMIATO UN FILM GIRATO CON UN IPHONE
Intrigante il format, che stavolta ha assegnato i 25.000 euro in palio ai membri di The Karrabing Film Collective, un collettivo appartente a una comunità aborigena, presente via Skype all’evento; molti di loro vivono in un villaggio rurale dell’Australia del Nord, con redditi bassi o inesistenti.
Il progetto che li ha premiati, Salt, è un film di 5 minuti, girato interamente con un iPhone, in cui si definisce una modalità di auto-organizzazione e di accesso alla comprensione dell’arte contemporanea; quasi un manuale di sopravvivenza attraverso cui sperimentare forme di metamorfosi creativa e culturale, senza abbandonare i propri luoghi d’origine e mettendo l’accento sul divario, fortissimo, che separa ancora oggi gruppi sociali e aree geografiche lontane.

– Helga Marsala

www.visibleproject.org
www.karrabing.com

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community