Italia e Unesco uniscono le forze contro il traffico illegale di beni culturali. A partire da un seminario di formazione per funzionari dall’Albania

Print pagePDF pageEmail page

Manufatti iracheni recuperati dal mercato nero

Manufatti iracheni recuperati dal mercato nero

Se la tratta illegale di beni culturali è sempre stata una piaga preoccupante, negli ultimi tempi la guerra al mercato nero di antichità è diventata una priorità irrimandabile nelle agende dei paesi europei. Perché ormai non si tratta più – solo – di tombaroli della domenica o di piccole organizzazioni criminali che arrotondano i traffici di droga e armi con la vendita di manufatti archeologici e opere d’arte a collezionisti, e a musei, senza scrupoli sulla loro provenienza. Gli sciacalli dell’ultima ora sono terroristi che hanno fatto del business una delle loro fonti di reddito principali.
In questo quadro, l’Unesco sta sviluppando azioni e programmi coordinati per fare fronte comune nell’ostacolare la dispersione di un patrimonio di valore storico e artistico immenso, e, allo stesso tempo, tagliare fondi importanti alle milizie del terrore. Proprio in questi giorni – sino al 27 novembre – un gruppo di funzionari dei ministeri della cultura, dell’interno, della giustizia, e delle autorità doganali dell’Albania sono a Roma per partecipare a un seminario di formazione organizzato dall’Ufficio Regionale dell’Unesco per la Scienza e la Cultura in Europa di Venezia, assieme al Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale. L’Albania, come anche la Grecia, la Turchia e altri paesi del Mediterraneo sud orientale, è tra i paesi spesso coinvolti nel contrabbando di beni culturali. Il seminario punta dunque a mettere a disposizione l’esperienza maturata dalle autorità italiane nel campo, per sviluppare le capacità istituzionali e professionali dei funzionari albanesi relativamente all’applicazione di norme e buone pratiche internazionali. L’Italia d’altronde è sempre stata in prima linea nella prevenzione e nel recupero di opere d’arte trafugate, anche se, certo, negli ultimi giorni non ha fatto proprio una bella figura con quanto accaduto al Museo di Castelvecchio a Verona…

– Marta Pettinau

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community