Anche le immagini uccidono. Solidarietà e abusi nella comunicazione: una campagna sociale

Bambini denutriti, sofferenti, arenati sulle spiagge al margine dell'ennesimo naufragio. Il dibattito sull'uso delle immagini a fini umanitari o di pura cronaca solleva questioni importanti. Una campagna sociale lancia oggi un messaggio severo

Print pagePDF pageEmail page

Li abbiamo visti sulle copertine dei più prestigiosi magazine internazionali. Li abbiamo visti sulle bacheche Facebook e incrociati fra i cinguettii di Twitter. Li abbiamo condivisi, commentati, guardati con sofferenza o distrazione. E abbiamo discusso, a lungo, sull’opportunità di dare spazio a quelle foto: le immagini dei piccoli cadaveri trasportati a riva dalle onde, dopo l’ennesimo naufragio di clandestini, hanno commosso il mondo, turbato le coscienze, manipolato il dibattito internazionale. Due le scuole di pensiero: ancorché crudo e feroce, il ritratto della morte di un innocente può aiutare a disgelare la sensibilità atrofizzata della gente; oppure, al contrario, nessuna giustificazione per l’uso mediatico di corpi e volti divenuti simulacri freddi del dolore.
Non solo migranti, però. Quanti bambini cadavere, bambini schiavi, bambini scheletri, denutriti o moribondi, bombardati ed affamati; quanti uomini, donne e ragazzini fragili, finiti nella pletora di icone che sommerge internauti e spettatori?

Anche le immagini uccidono

Anche le immagini uccidono

CHI TUTELA I MINORI FINITI SU SPOT E COPERTINE?
Da qui è nata la campagna “Anche le immagini uccidono”, promossa da Redani – Rete della Diaspora Africana Nera in Italia. Obiettivo: sensibilizzare l’opinione pubblica e coinvolgere le Istituzioni intorno all’uso indiscriminato delle immagini da parte delle associazioni e ONG per la raccolta di fondi destinati agli aiuti umanitari.
Tante le questioni di fondo: l’assenza di liberatorie da parte dei genitori a tutela dell’uso di immagini di minori; il tradimento della deontologia giornalistica sancita dalla Carta di Treviso; il pericolo di assuefazione dinanzi al proliferare di visioni tragiche, in una progressiva anestesia estetica e sociale; il rispetto della dignità delle persone, in casi di disagio, malattia o addirittura morte.

Lo spot lanciato da Redani – abbinato a un secondo video con una testimonianza dell’ex Ministro Cécile Kyenge e a una serie di interviste a personaggi del mondo politico-culturale – piazza davanti alla telecamera una schiera di uomini e donne di colore. Muri, severi, sguardi fissi. I loro occhi raccontano un dolore sedimentato, custodito nella memoria, conosciuto e portato addosso. Ma non visibile. Lo strazio, stavolta, non c’è. Uno spot che sceglie di evocare, di non dichiarare. E di non uccidere, una seconda volta, puntando immagini sul mondo come armi improprie e virali.

Helga Marsala

http://ancheleimmaginiuccidono.org/

 

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community
  • Angelov

    Condivido il contenuto di questo articolo: lo sciacallaggio mediatico perpetrato da sedicenti reporter e giornalisti nei confronti degli indifesi, specialmente bambini, grida vendetta al cielo.
    Questa reazione spero rappresenti un punto si svolta irreversibile, a quella pratica di sopruso, a cui gli spettatori si erano ormai assuefatti, dimentichi di un minimo senso di legittima dignità dovuta a degli innocenti, forse anche perché loro stessi spettatori, ormai privi di essa.