Al via i lavori della Conferenza Generale dell’Unesco. Franceschini: “Urgente un’azione internazionale a difesa del patrimonio culturale”. Italia pronta con una sua task force di esperti

Print pagePDF pageEmail page

La sede Unesco, Parigi

La sede Unesco, Parigi

La 38esima Conferenza Generale dell’Unesco è iniziata a Parigi da qualche giorno, all’insegna di un’Europa unita e solidale, almeno sul fronte della protezione del patrimonio culturale. Tra i temi sul tavolo, l’istituzione dei Caschi blu per la cultura, di cui – come vi abbiamo già raccontato qui – è stato proprio il nostro Ministro dei beni culturali e del turismo Dario Franceschini ad avanzare la proposta e a sostenerla con risolutezza.
Venerdì 6 novembre, il Ministro è intervenuto in assemblea: “Oggi i terroristi distruggono monumenti e opere d’arte con l’obiettivo preciso di colpire simboli di culture e religioni diverse dalla propria. Per questo è ormai indifferibile un’azione internazionale congiunta che possa prevenire questi crimini ed in caso mobilitarsi per recuperare quanto danneggiato. La comunità internazionale riconosce all’Italia la paternità della proposta di questi speciali Caschi Blu, sia per la sua effettiva azione politica, sia in quanto Paese all’avanguardia nella tutela, restauro e contrasto al traffico illecito del patrimonio culturale”.
Non solo belle parole: l’Italia si dice pronta con una propria task force di restauratori, archeologi e tecnici scientifici, guidati dai Carabinieri del nucleo tutela del patrimonio culturale, da impiegare a protezione di monumenti e siti archeologici messi a rischio in caso di conflitti e situazioni di emergenza.

Marta Pettinau

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community