Trento. Donald Baechler in bianco e nero

Studio d’Arte Raffaelli, Trento – fino al 28 febbraio 2016. È un filo nero e bianco quello che lega la sua poetica. Non è nuovo, ma viaggia parallelo al suo fare artistico. Non gli è mai sfuggito il lato oscuro delle persone che vivono nella società americana. In questi lavori si sono toccati tutti nervi che l’attraversano.

Print pagePDF pageEmail page

Donald Baechler, The Sixt South, 2015

Donald Baechler, The Sixt South, 2015

Quinta personale per Donald Baechler (New York, 1956) allo Studio Raffaelli. La prima era stata nel 1997, ed erano opere su carta. I lavori di questa mostra sono in bianco e nero, e per la prima volta in Italia sono presentate anche quattro sculture in bronzo. C’è anche un nucleo di opere a colori, delle carte, tutte realizzate per la mostra, e sono dei volti. La maggior parte dei lavori è composto da fiori neri, realizzati tra il 2012 e il 2014. Hanno come riferimento un eccentrico e stimolante lavoro dipinto intorno al 1987 o 1988 e fotografato nel suo studio, riportato nelle note dell’accattivante catalogo d’artista, costruito e pensato da James Brown, amico di Baechler. Le note sono fondamentali per muoversi in questo nuovo ciclo pittorico. I riferimenti simbolici non sono quelli che solitamente fanno parte della poetica baechleriana, ma pescano nella profondità oscura della società americana. Le frasi e le fotografie riprodotte arrivano dall’inquietante bianconero del film di Charles Loughton, The night of the Hunter, dal libro d’ombra di Tanizaki, da Alexandre Pope e da Alister Crowley. Ombra/luce, nero/bianco sono le oscillazioni iconografiche che ispirano e inquietano Baechler in questi lavori.

Claudio Cucco

Trento // fino al 28 febbraio 2016
Donald Baechler – Black and White
STUDIO D’ARTE RAFFAELLI
Via Marchetti 17
0461 982595
[email protected]
www.studioraffaelli.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/48509/donald-baechler-black-and-white/

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community