Tappa a Beirut per la maratona internazionale di architettura. 42 studi dai Paesi Arabi e del Mediterraneo al confronto per tre giorni. Premiato su tutti un team portoghese

Print pagePDF pageEmail page

OTO Arquitectos, Natural Park Headquarters, Capo Verde

OTO Arquitectos, Natural Park Headquarters, Capo Verde

Si è svolta nei giorni scorsi a Beirut la special edition dedicata ai Paesi Arabi e del Mediterraneo di Archmarathon, la maratona internazionale di architettura che ha esordito – con grande successo – nel novembre 2014 a Milano. 42 studi selezionati e quasi 4mila visitatori e professionisti hanno preso parte alla tre giorni, organizzata dall’azienda italiana Publicomm, in collaborazione con FLE, la Federazione degli ingegneri arabi.
Nel corso della maratona, gli studi hanno presentato i loro progetti, scelti tra i più rilevanti del panorama dell’architettura mondiale degli ultimi 5 anni, per ognuna delle 9 categorie previste: Arts&CultureEducation BuildingsWorkspacesReligious BuildingsHotel & LeisurePrivate HousingMixed Tenure Housing and BuildingsTransportLandscape & Public Spaces.
Infine, una giuria presieduta dall’architetto Luca Molinari e composta da rappresentanti delle istituzioni che sostengono Archmarathon e da nomi di fama internazionale – tra cui il libanese figlio d’arte Bernard Khoury e l’architetto turca Pelin Derviş – ha assegnato i premi per ogni sezione. Il vincitore assoluto è stato lo studio OTO Arquitectos con sede a Lisbona, premiato per il progetto Natural Park Headquarters a Capo Verde.

www.archmarathon.com

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community