Roma, Festa del Cinema 2015. In equilibrio con Philippe Petit, tra i cieli di New York

Nel 1974 passeggiò su un cavo a 400 metri dal suolo, percorrendo la distanza fra le torri gemelle di New York. Una vecchia storia, che oggi diventa un film. Presentato alla Festa del Cinema di Roma…

Print pagePDF pageEmail page

Sul tappeto rosso della Festa di Roma ha sfilato anche Philippe Petit, artista autodidatta, pittore, scultore, scrittore di successo, avventuriere dell’aria in equilibrio sulle punte. Noto per aver attraversato su un cavo d’acciaio la distanza tra le due torri di quello che fu il World Trade Center. Era il 1974, la costruzione era appena apparsa nello skyline di New York, e il francese danzò in su e in giù sopra le teste dei passanti esterrefatti, a ben 400 metri dal suolo. Era senza imbracatura e si salvò miracolosamente senza farsi neppure un graffio.

Philippe Petit, World Trade Cente, New York, 1974

Philippe Petit, World Trade Cente, New York, 1974

La vicenda, che qualche anno fa era già diventata un documentario, con Robert Zemeckis prende le sembianze di un film di finzione, dove le mute riflessioni sul destino dei palazzi all’indomani dell’11 settembre prendono il significato della fine di un’epoca di sogni ed illusioni. Un’epoca in cui mantenere gli equilibri sembra ormai impossibile. The Walk sarà al cinema dal prossimo 22 ottobre. Per gli amanti delle vertigini.

Federica Polidoro

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community