Paris Updates: Fiac peggiora. Passo indietro rispetto alle passate super-edizioni. Ecco le foto dall’inaugurazione

Print pagePDF pageEmail page

Vernissage Fiac 2015 – Grand Palais 26

Insomma lo stand di Gagosian era meglio a Frieze rispetto che a Fiac. Lo stand di Kemel Mennour era meglio a Frieze rispetto a Fiac. Anche lo stand di Marian Goodman, che pure è bellissimo a Fiac, era meglio a Frieze. Non stiamo dicendo che, clamorosamente, Frieze sia migliore di Fiac, stiamo dicendo però che le distanze si sono piuttosto colmate, che quella abissale differenza che si era appalesata negli scorsi anni quest’anno si è decisamente assottigliata. Vuoi per un po’ di recupero di qualità da parte di Frieze, vuoi per un sensibile declino di Fiac che dopo alcune edizioni decisamente al top vive un 2015 un po’ più stanco per una serie di motivi: il difficile avvio della fiera satellite Officielle, il momento di difficoltà economica della Francia (in corrispondenza all’autentico boom economico di Londra, città che ospita la fiera concorrente) che in qualche modo può avere influito.
Resta il fatto che Fiac, pur non nella forma degli anni passati, è una super fiera e soprattutto resta il fatto che, nonostante tutto, molti sostengano con convinzione che all’ombra della Tour Eiffel si concludano ben più affari che in riva al Tamigi. Detto ciò la parola passa alle immagini che, con qualche difficoltà vista la folla dell’inaugurazione, siamo riusciti a catturare tra i corridoi della fiera sotto le volte di cristallo del Grand Palais.

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community