La prima volta di Herzog & de Meuron in Canada. Ecco i render della nuova Vancouver Art Gallery, un edificio completamente in legno in una città dallo “skyline di vetro”

Print pagePDF pageEmail page

View of the new Vancouver Art Gallery from Queen Elizabeth Plaza © Herzog & de Meuron

View of the new Vancouver Art Gallery from Queen Elizabeth Plaza © Herzog & de Meuron

A pochi giorni dalla chiusura della mostra Material Future: The Architecture of Herzog & de Meuron and the Vancouver Art Gallery, il duo svizzero, fresco vincitore del Jencks Award 2015 assegnato da RIBA – Royal Institute of British Architects, ha rivelato, durante un incontro pubblico, come sarà la nuova sede del VAC – Vancouver Art Gallery, una delle maggiori istituzioni culturale del Canada.

RAFFORZARE IL RUOLO DI VANCOUVER NEL CONTEMPORANEO
L’esposizione “Material Future”, concepita per presentare alla popolazione locale il contributo di Herzog & de Meuron soprattutto in ambito museale – a loro si deve, tra l’altro, la Tate Modern, il cui ampliamento aprirà nel giugno 2016 – è ospitata nella sede “storica” del museo, l’ex palazzo di giustizia provinciale rinnovato negli anni Ottanta dall’architetto e urbanista Arthur Erickson. Negli ultimi anni questo edificio è stato al centro del dibattito locale, in considerazione della necessità di ampliarne la superficie espositiva e della volontà di rafforzare il ruolo di Vancouver nello scacchiere dell’arte contemporanea in Nord America. Ad aprile 2014, dopo aver concluso le pratiche relative alla selezione e all’acquisto del suolo, le autorità coinvolte nell’iniziativa hanno individuato in Herzog & de Meuron le figure giuste cui affidare il nuovo museo; i due architetti hanno sviluppato un progetto nel quale balza agli occhi il generoso impiego del legno, una scelta con la quale intendono allinearsi con la tradizione e la storia costruttiva della regione. È il legno dunque a definire ciascuno dei livelli sovra terra – a questi si aggiungono due piani interrati, con parcheggi e depositi – oltre ad essere adottato come rivestimento per passerelle, nelle coperture e nei dettagli interni; salendo progressivamente verso l’alto, ampie vetrate lasciano il posto a volumi compatti e opachi.

View of the new Vancouver Art Gallery © Herzog & de Meuron

View of the new Vancouver Art Gallery © Herzog & de Meuron

SUPERFICIE ESPOSITIVA RADDOPPIATA RISPETTO A QUELLA ATTUALE

Allo scopo di favorire una fattiva connessione con i ritmi della città, il piano terra ospiterà una caffetteria con affaccio su un’area verde private e uno spazio per eventi di breve durata, curati anche da privati o associazioni, stando almeno alle intenzioni espresse fin qui. In considerazione, infine, della multiforme raccolta di cui dispone il VAC e del programma di iniziative temporanee che la direzione intende accogliere, la superficie espositiva prevista – circa 7.900 metri quadri, il doppio di quella attuale – disporrà di una varietà di ambienti: oltre ad un teatro con 350 posti, una biblioteca e un centro per la didattica museale, Herzog & de Meuron hanno infatti delineato gallerie con altezze e proporzioni eterogenee, il cui tratto comune sarà l’ingresso della luce naturale proveniente da vetrate aperte sul cortile interno, sul quartiere o sul paesaggio naturale oltre la città. Costi, tempi e modalità di finanziamento? Staremo a vedere.

Valentina Silvestrini

http://www.vanartgallery.bc.ca/
https://www.herzogdemeuron.com/index.html

 

 

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community