FABRIZIO CASSOL | AKA MOON |MUSICISTI DAL MONDO

Print pagePDF pageEmail page

FABRIZIO CASSOL | AKA MOON |MUSICISTI DAL MONDO
AlefBa
6 – 7 ottobre
Teatro Argentina, Roma

Fabrizio Cassol | Aka Moon |Musicisti dal Mondo, AlefBa, 6 e 7 Ottobre 2015 al  Teatro Argentina, Roma

Fabrizio Cassol | Aka Moon |Musicisti dal Mondo, AlefBa, 6 e 7 Ottobre 2015 al Teatro Argentina, Roma

Inventare un alfabeto per esprimersi insieme, ma ognuno nella propria lingua, e comprendersi: un sogno antico e un esperimento contemporaneo animano AlefBa, il concerto creato da Fabrizio Cassol, assieme al suo gruppo Aka Moon e a musicisti di quattro continenti, Africa, America, Asia, Europa. Compositore e sassofonista belga, Cassol adora le avventure interculturali, dove la musica è il tramite di scambi tra le persone e quindi tra le culture.
Lo scorso anno ha presentato a Romaeuropa Coup Fatal in collaborazione con Alain Platel, uno spettacolo dedicato alla musica centroafricana -in particolare del Congo- in un elettrizzante cortocircuito con il barocco di Händel e Bach. In AlefBa, titolo che rimanda alle prime due lettere dell’alfabeto, Cassol guida un gruppo di straordinari musicisti provenienti dalla Turchia, dall’Egitto, dalla Siria, dagli Stati Uniti e dal Belgio: strumenti tradizionali, come l’oud, il flauto, le percussioni, il violino, il sassofono, sono affiancati da una sezione ritmica formata da basso, chitarra elettrica e batteria. Ognuno dei musicisti parla la propria musica, attento e partecipe a quanto arriva dagli altri.
Inflessioni arabo-africane, jazz, zigane, funky si fondono in un’unica grande perorazione, dove svettano i falsetti maschili, le poliritmie, l’improvvisazione e squarci di polifonia vocale come oasi in una pista nel deserto. Lo stesso impaginato musicale, dove tradizioni differenti e lontane trovano per ogni brano equilibri di volta in volta diversi quasi fossero immagini sonore assemblate in un caleidoscopio, svela la vera cifra di Cassol che non è solo quella di saper amalgamare culture musicali diverse, ma di rendere questo incontro libero, rischioso, spontaneo.

http://romaeuropa.net/festival-2015/alefba/

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community