Cultura ebraica e arte contemporanea. Il Castello di Casale Monferrato espone una collezione di candelabri liturgici, rivisitati da grandi artisti

Print pagePDF pageEmail page

Luigi Del Monte, Flat Arch, 2001

Luigi Del Monte, Flat Arch, 2001

Una mostra tanto singolare quanto preziosa, in cui si fondono spiritualità, tradizione liturgica, eccellenza artigianale e ricerca artistica contemporanea. Presso il Castello di Casale Monferrato, fino al prossimo 1 novembre, la mostra “I Lumi di Chanukkah” presenta centosessanta Chanokkio – i tipici candelabri a nove braccia legati alla Festa ebraica di Chanukka – realizzati da artisti di fama mondiale, da Mimmo Paladino a Ugo Nespolo, da Emanuele Luzzati ad Aldo Mondino, da Luigi Mainolfi a Renato Boero. La collezione – esposta per la prima volta nella sua interezza – appartiene alla Fondazione Arte, Storia e Cultura Ebraica a Casale Monferrato e nel Piemonte Orientale Onlus: un’occasione importante con cui rendere omaggio alla locale Comunità ebraica e alla Sinagoga, conosciute e rispettate a livello mondiale.
Ogni candelabro viene pensato, simbolicamente, come un ponte: fra l’artista e il pubblico, fra identità religiose differenti, fra la storia e il futuro. Nella religione ebraica, la cui iconoclastia è nota, la potenza del messaggio teologico trova un’espressione visiva nell’oggetto rituale, laddove la rappresentazione figurativa sacra viene invece interdetta. La reinterpretazione artistica, in chiave contemporanea, di queste icone cultuali riporta al dibattito intorno ai simboli e le forme della cultura ebraica. Il catalogo, edito da Skira, è stato presentato a Milano, presso la Galleria Meravigli.

“I Lumi di Chanukkah”
Castello del Monferrato – Piazza Castello, Casale Monferrato
fino al 1 novembre 2015
www.casalemonferratoeventi.it

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community