Un caleidoscopio di luci e colori su Casa Batlló a Barcellona. L’architettura di Gaudí festeggia con un video mapping i 10 anni dall’ingresso nel patrimonio Unesco

Print pagePDF pageEmail page

Video mapping su Casa Batlló, Barcellona

Video mapping su Casa Batlló, Barcellona

Per celebrare i dieci anni da quando fu dichiarata Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, Casa Batlló si è vestita di nuovo per una serata. Tra le più celebri e visionarie architetture residenziali di Antoni Gaudí, la casa al civico 43 del Passeig de Gràcia, a Barcellona, si è trasformata in una coreografia di luci, suoni e colori, grazie ad uno spettacolare video mapping che ha incantato i passanti per un’ora e mezza, lo scorso 23 settembre.
In concomitanza con i festeggiamenti de La Mercè – la santa patrona della città catalana – un caleidoscopio vibrante di immagini ha avvolto la facciata in arenaria dell’edificio, risvegliando i mosaici policromi che la rivestono, i balconi che ricordano crani e ossa, il tetto che con le sue tegole di ceramica colorata sembra il dorso di un enorme rettile.
La proiezione ha svelato al pubblico simboli e allegorie che si nasconderebbero nell’architettura; a partire dalla leggenda di San Giorgio e il drago, a cui si pensa che Gaudí si ispirò quando, nel 1904, l’industriale Josep Batlló gli affidò l’incarico di ristrutturare il vecchio palazzo. Nella nostra fotogallery, una sfilata di immagini dell’evento.

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community