Walkie Talkie, Art advisory, navette gratis. Ancora anticipazioni di Artissima 2015 dalla presentazione milanese in casa UniCredit

Print pagePDF pageEmail page

Sarah Cosulich Canarutto

Sarah Cosulich Canarutto

NUOVI TAGLI TEMATICI E NUOVI SPUNTI DI LETTURA
A pochi giorni dalla presentazione torinese, Artissima replica anche a Milano, con un incontro al secondo piano della Torre A del Palazzo Unicredit, main sponsor della fiera piemontese. Con alcune anticipazioni che si affacciano solo ora, altre che in questa occasione vengono meglio delineate. Parola d’ordine? Mantenere, ogni anno, la capacità di trovare primati da aggiungere al proprio format, rimarcando, fra l’altro, la precedenza data al focus sulle avanguardie storiche, inserito sperimentalmente nel 2010, un sezione commerciale e non solo d’esibizione dedicata alle performance, un premio elargito come un’opportunità di esporre in sedi istituzionali di rilievo data a giovani artisti. E, a partire da quest’anno, anche una nuova idea per arricchire le visite itineranti con curatori e collezionisti, professionisti che aiuteranno i visitatori, attraverso i Walkie Talkie, a dare alla struttura della fiera nuovi tagli tematici e nuovi spunti di lettura.

NAVETTE GRATUITE PER LE PRINCIPALI MOSTRE CITTADINE
Dal 5 all’8 novembre, dunque, durante la ventiduesima edizione di Artissima non saranno solo i numeri a contare. La fiera, come ha ricordato la direttrice, Sarah Cosulich Canarutto, intende dare forma concreta alle aspirazioni di continua sperimentazione, ricerca e competitività che Artissima richiede, per selezionare con sempre maggiore agio la qualità di gallerie e collezionisti partecipanti. Ben il 35% delle gallerie che richiedono di entrare fra i ranghi dei 133 espositori che compongono la Main Section, dei 24 delle New Entries, o delle 7 gallerie dedite a stampe e multipli d’artista, vengono infatti rifiutate. Per consolidare la partnership che da tredici anni lega Artissima al Gruppo Unicredit, verrà istituito per la prima volta un servizio di consulenza al collezionismo, Art advisory, il cui responsabile, Domenico Filipponi, offrirà un servizio indipendente ai giovani collezionisti, con l’intento di fornire un orientamento, sostanziando, unendo le due dimensioni, quella culturale e quella commerciale che animano l’Oval durante la prima settimana di novembre. Altra novità: quest’anno sarà organizzato un sistema di navette gratuite che dall’Oval porterà alle principali mostre cittadine, fra le quali quella monografica di Boltanski alla Fondazione Merz, quella di Vilar Rojas alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, il progetto di Rachel Rose e una collettiva al Castello di Rivoli.

Ginevra Bria

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community