Va al Giappone il Leone d’oro della Biennale Arte assegnato dai lettori di Artribune. Mentre parte il sondaggio per cercare la nuova capitale europea del contemporaneo

Print pagePDF pageEmail page

Padiglione Giappone, Chiharu Shiota, The Key in the Hand, La Biennale di Venezia 2015, Giardini, photo Valentina Grandini

Padiglione Giappone, Chiharu Shiota, The Key in the Hand, La Biennale di Venezia 2015, Giardini, photo Valentina Grandini

È quello del Giappone il Padiglione nazionale più interessante della 56. Biennale di Venezia diretta da Okwui Enwezor. Lo decretano i lettori di Artribune attraverso il consueto sondaggio estivo. La Chiave nella mano, Tenohira no Kagi di Chiharu Shiota ha affascinato i visitatori con il suo intricato ed intrigante soffitto e gli evocativi messaggi, tanto da guadagnarsi il podio con un bel 20% di preferenze. Lo segue a ruota l’Olanda di Herman de Vries, l’83 enne ma giovanissimo dentro artista, qui al secondo posto, mentre al terzo si “piazza” il Museo immaginario di Fiona Hall, protagonista della mostra australiana.
E mentre diamo i risultati del sondaggio appena chiuso, apriamo un’altra “consultazione” con un nuovo quesito per voi. Quale è la città europea, a vostro parere, più interessante per la scena dell’arte contemporanea? Per facilitarvi il compito ne abbiamo scelta qualcuna: Lisbona, Vienna, Milano, Istanbul, Dresda, Bruxelles, Zurigo, Marsiglia, Rottedam. Come è evidente abbiamo omesso le capitali dell’arte più scontate, da Londra a Parigi passando per Berlino. Concentrandoci su mete, per così dire, più “emergenti”. A voi, l’ardua sentenza…

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community
  • Germy

    Non sapendo tanti soldi per vedere solo il Giappone e sorbirmi la fuffa soprattutto italiana. Biennale?????? Forse è meglio chiudere questo vecchio baraccone …..meglio dokumenta .qui tutto è paleolitico penoso vecchio costoso