Bernardí Roig. A Roma, fra Caravaggio e McEnroe

Galleria Marie-Laure Fleisch, Roma – fino al 28 novembre 2015. Mette insieme due irascibili, Bernardí Roig, in mostra nella nuova sede della galleria capitolina. Da un lato una lite secentesca che vide protagonista Caravaggio, dall’altro l’iracondo campione di tennis John McEnroe. E la memoria si fa complicata.

Print pagePDF pageEmail page

Bernardí Roig – La Bolannntro’w - veduta della mostra presso la Galleria Marie-Laure Fleisch, Roma 2015

Bernardí Roig – La Bolannntro’w – veduta della mostra presso la Galleria Marie-Laure Fleisch, Roma 2015

Ogni palla ben colpita ammette n possibili risposte, 2n possibili risposte a queste risposte, e così via…”. Queste le parole dello scrittore americano più ossessionato dal tennis di sempre, David Foster Wallace, che ben vestono tutte le possibili risposte e traiettorie che si intravedono negli spazi della galleria in via di Pallacorda, che inaugura la personale di Bernardí Roig (Palma di Maiorca, 1965). Una timeline costruita attraverso rimandi sottili crea una frizione fra una lite furiosa che coinvolse il Caravaggio e Ranuccio Tomassoni nel maggio del 1608 e la finale di Wimbledon 1981, in cui John McEnroe vinse urlando con irascibilità “la palla era dentro!”(la bolannntro’w).

Le opere in mostra – attraverso l’uso di media diversi quali la scultura, il disegno e il neon – riflettono una sensibilità pungente e grottesca alla memoria dei luoghi e alla storia. L’allestimento è giocato sui ruoli delle iconografie che l’artista maiorchino trasfigura e fa dialogare, restituendo infinite possibilità di interpretazione. Poiché “la forma non ha esattamente una temperatura” (Bernardí Roig).

Eleonora Milani

Roma // fino al 28 novembre 2015
Bernardí Roig – La Bolannntro’w
MARIE-LAURE FLEISCH
Via di Pallacorda 15
06 68891936
[email protected]
www.galleriamlf.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/47644/bernardi-roig-la-bolannntrow/

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community