Antonello Sedda e il mestiere della armi clandestine

Limes Gallery, Cagliari – fino al 30 settembre 2015. Un sorprendente reportage. È quello di Antonello Sedda sul sottobosco del collezionismo d’armi in Sardegna.

Print pagePDF pageEmail page

Antonello Sedda – L’esercito silenzioso

Antonello Sedda – L’esercito silenzioso

Molto più diffuso di quanto si possa immaginare, il fenomeno del collezionismo d’armi clandestino, affidato allo sguardo lucido e talvolta ironico di Antonello Sedda (Sassari, 1981) nel coraggioso work in progress iniziato due anni fa, diventa lo scottante tema della personale d’esordio. Mitragliatrici, kalashnikov, pistole, coltelli, munizioni e residuati bellici in bella mostra su tavoli o letti, spesso in ambienti domestici del tutto insospettabili, frutto della passione e del fanatismo di collezionisti invisibili, sono tradotti in immagini dalla parvenza innocua, quasi rassicurante. Tra le mani di personaggi in tenuta da guerra, fieri di ostentare i preziosi cimeli o grottescamente mascherati nell’atto di iniziare una sfida. Una ricognizione sul territorio del nord della Sardegna che lascia sgomenti per espansione e devozione, per la manutenzione puntuale e attenta che diventa rito e le trasforma in oggetti di culto, pronti a essere utilizzati nelle gare di tiro a segno, rigorosamente da individui di sesso maschile. Ma che soprattutto induce alla riflessione su quanto, in questo, gli Usa non siano (purtroppo) così lontani.

Roberta Vanali

Cagliari // fino al 30 settembre 2015
Antonello Sedda – L’esercito silenzioso
a cura di Arianna Beretta
LIMES GALLERY
Via San Giovanni 178
[email protected]
www.limesimage.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/47768/antonello-sedda-lesercito-silenzioso/

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community