La stagione delle fiere ricomincia da Marsiglia. Con la decana Art-O-Rama ci sono anche Pareidoile, la fiera specializzata nel disegno. E la notte bianca delle gallerie in versione provenzale

Print pagePDF pageEmail page

Marsiglia dalla prospettiva del MuCEM

Marsiglia, dalla prospettiva del MuCEM

Nell’art system, l’equivalente dell’Epifania “che tutte le feste si porta via”, sono le fiere d’arte: quando iniziano, l’estate si può dire ufficialmente finita. Dal 29 al 30 agosto, ad inaugurare la stagione, torna a Marsiglia – la città più in crescita della Francia – Art-O-Rama, la prima fiera-salone internazionale del sud del paese, diretta da Jérôme Pantalacci, che quest’anno porta 20 gallerie internazionali nella città Capitale della cultura europea 2013.
Anche per questa nona edizione, gli stand sono stati concepiti come singole esposizioni di taglio curatoriale. Le gallerie partecipanti provengono per lo più da Parigi (22,48 m², Allen, Antoine Levi, Daviet-Thery and mfc-michèle didier, Emmanuel Hervé e Praz-Delavallade), Berlino (Daniel Marzona e Neumeister Bar-Am) e Bruxelles (Hopstreet, Levy.Delval e Micheline Szwajcer). Mentre dall’Italia sbarca per la prima volta nel capoluogo della regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra, Laveronica da Modica, con un progetto dell’artista israeliana Amir Yatziv, assieme a fotografie in grande formato di Moira Ricci.
Come ogni fiera che si rispetti, anche Art-O-Rama ha la sua art night: il 29 agosto, durante la Marseille Gallery Night, 15 spazi, tra musei e gallerie, inaugureranno la nuova stagione espositiva: tra questi, il Frac Provence-Alpes-Côte d’Azur progettato da Kengo Kuma, il MAC e il MuCEM, il Museo delle civiltà dell’Europa e del Mediterraneo firmato da Rudy Ricciotti.
E non è finita: nello stesso weekend di fine agosto, Marsiglia ospita anche Pareidoile, la fiera internazionale dedicata al disegno contemporaneo, con 11 gallerie, di cui 6 francesi e le altre provenienti da Ginevra, Londra, Barcellona, Bratislava e Rabat. In concomitanza con l’evento, al Palais Longchamp, sede del Museo di Belle Arti della città, saranno esposti disegni risalenti al periodo compreso tra il Cinquecento e il Settecento, accanto a opere contemporanee, scelte tra le collezioni di tutti i musei di Marsiglia.

Marta Pettinau

 

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community