Scultura classica e poesia italiane si incontrano. A Los Angeles: Gabriele Tinti protagonista al Getty Museum e all’Istituto Italiano di Cultura, ecco le immagini

Print pagePDF pageEmail page

The boxer, Getty Museum - G. Tinti e R. Davi

The boxer, Getty Museum – Gabriele Tinti e Robert Davi

Il Pugile a riposo sembra girarsi in ascolto mentre Jens M. Daehner e Kenneth Lapatin – curatori della mostra Power and Pathos: Bronze Sculpture of the Hellenistic World, aperta al Getty Museum fino al 1 novembre – presentano la straordinaria scultura in bronzo, proveniente dal Museo nazionale romano di Palazzo Massimo e vero pezzo forte dell’esposizione losangelena, al pubblico intervenuto nei giorni scorsi in occasione del reading The boxer. Due poesie di Gabriele Tinti, ispirate dalla celebre opera e interpretate dall’attore italo-americano Robert Davi, hanno dato voce al pugile, esaltandone il raro equilibrio tra crudo realismo nei dettagli fisici e intensità emotiva nell’espressione.
è seguito un incontro presso l’Istituto Italiano di Cultura a Los Angeles, dove Tinti ha presentato i suoi “poetry films”: una serie di corti nei quali attori come Franco Nero, Burt Young, Michael Imperioli ed Edoardo Ballerini leggono i suoi scritti. L’iniziativa è parte di una ricerca nella quale, muovendosi tra poesia, boxe e arte, Tinti mette a fuoco l’eroismo tragico della figura del pugilatore, attraverso ritratti di famosi boxer. Tra le pubblicazioni recenti – già presentate in musei prestigiosi come il Queens Museum e il Bronx Museum di New York – figurano The Way of the Cross (Allemandi&C., 2012) e All Over (Mimesis Edizioni, 2013).

Emanuela Termine

http://www.getty.edu/museum/
http://www.iiclosangeles.esteri.it/IIC_Losangeles

 

 

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community
  • Angelov

    Questa meravigliosa scultura è presentata come se fosse stata prodotta da “noi italiani contemporanei”, e che tutto l’onore spetti quindi a noi?
    Il passato (italiano) ed il presente (americano) come due pianeti ognuno nella sua orbita e che non si incontrano mai; ma con un’eccezione: il loro provincialismo.