Burriana / 3. Viaggio in Italia sulle tracce di Alberto Burri. A Città di Castello, fra Palazzo Albizzini e gli ex Seccatoi del tabacco

Print pagePDF pageEmail page

Tutto Nero, 1956, courtesy Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri

Tutto Nero, 1956, courtesy Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri

Siamo in agosto, tempo di vacanze e di viaggi. E allora anche Artribune ha deciso di raccontarvi un viaggio: ma non uno qualsiasi, bensì – onorando la propria “ragione sociale” – uno ad alta caratura artistica. Con la nostra Antonella Crippa seguiamo dunque un tour d’Italia sulle tracce del grande Alberto Burri, nel centenario della nascita. Da Milano a Perugia, fino a Gibellina, una serie di news per raccontare luoghi, opere, musei, persone, sensazioni legate all’artista umbro, sempre con parole e immagini…

15 agosto, Città di Castello. Arrivata da Perugia con il trenino della FCU, Ferrovia Centrale Umbra – un solo binario, un solo passeggero – ho l’impressione che la cittadina sia vuota. Circondata da basse mura, situata in una conca nella valle del Tevere, Castello è segreta, “altera e dolente” poiché, come recita una targa in piazza San Francesco, si è vista sottrarre Lo sposalizio della Vergine e la Crocifissione Mond, portati a Milano e a Londra. Mi confermano che le vie sono spesso deserte: “c’è un po’ di vita il giovedì sera, i negozi sono aperti anche dopo cena, e sono venuti in tanti per la mostra Au rendez-vous des amis“, la cui inaugurazione ha chiuso l’omonimo Convegno internazionale curato da Bruno Cora’. Nel cuore dei tifernati, appena dopo Raffaello e a pari merito con il cavaliere di ventura Vitellozzo Vitelli la cui famiglia ha edificato i palazzi più belli, si piazza Alberto Burri. Le celebrazioni per il suo centesimo compleanno sono cominciate il 12 marzo (segno zodiacale, pesci: creativi, sognatori e idealisti, tendono a cercare la stabilità affettiva e lavorativa come una forma di contrappeso alla loro instabilità emotiva, fonte: Wikipedia Astrologia); istituite con la legge (!) n. 63 del 14.04.2014, prevedono mostre, incontri, tavole rotonde, restauri, un nuovo Catalogo generale in 6 volumi, un film, e persino l’emissione di un francobollo da €0,80. Riprenderò a scrivere cartoline.

Targa dedicata a Raffaello a Città di Castello

Targa dedicata a Raffaello a Città di Castello

La collezione della Fondazione Burri a Palazzo Albizzini e agli ex Seccatoi del tabacco rappresenta la chiave di volta del mio viaggio; mi colpisce l’orgogliosa rappresentazione che Burri dà di sé e il controllo su spazio e opere: in Nero 1 del 1948, la prima opera esposta, c’è già tutto: la materia, la muffa, il cretto; nella sala successiva, in SZ1, 1949, l’artista rappresenta il rapporto tra se stesso, l’arte americana e l’Europa; Bonalumi e Castellani sono nel Gobbo del 1952, Rauschenberg nel Grande Bianco 1952 (Biennale di Venezia), Manzoni nel Bianco, 1952, e Kounellis nel Tutto Nero del 1956. E poi, mi sorprende ancora: chissà se Seth Price conosce Legno, 1956, o Wade Guyton e quelli dell’arte di processo hanno guardato muffe e combustioni? Forte la dimensione sessuale; deliziose le etichette con il titolo e l’anno battute con quella macchina che stampava le lettere in rilievo. E poi le plastiche degli anni Sessanta – trasparenti, rosse e nere, come quella magnifica che vinse il premio Marzotto – e i cretti. Agli ex Seccatoi, l’odore del tabacco impregna tutto l’ambiente; fa venire in mente il sughero, che è il colore di tanti cellotex. Qui il lavoro è a scala ambientale e territoriale; il pensiero va agli americani e agli inglesi della Land Art, da Richard Serra a Anthony Caro, fino a Anish Kapoor. I cicli Annottarsi, 1985-1987, Non Ama il Nero, 1988, e Il Nero e l’oro, 1992-1993, chiudono il percorso; finisce Burri e cominciano Boetti e Rem Koolhas.

Antonella Crippa

 

 

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community