80 milioni di euro per 12 musei. Dai Grandi Uffizi all’Arena del Colosseo, il Ministero dei Beni Culturali torna ad investire grazie all’Art Bonus: ecco tutti i progetti finanziati

Print pagePDF pageEmail page

Il Colosseo

Agosto di pieno lavoro per il Mibact e per chi ne regge le sorti, il ministro Dario Franceschini. In attesa di alzare gli ultimi veli sulla selezione che porterà a nuovi direttori-manager ai primi venti musei statali, atto per cui la data pare essere quella del 14 agosto, il ministro ha presentato al Consiglio Superiore dei beni culturali il Piano strategico Grandi Progetti Beni culturali, previsto dalla legge Art Bonus. “80 milioni di euro di investimenti nel biennio 2015-2016”, ha spiegato Franceschini illustrando il Piano, “per progetti di completamento dei grandi musei nazionali di rilevante interesse culturale per evitare di avviare nuovi cantieri prima di aver concluso quelli in corso. Progetti di portata nazionale e internazionale concentrati nelle regioni del centro nord che si sommano ai 490 milioni di euro di investimenti a favore delle 5 regioni del mezzogiorno (Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia) previsti dal Programma Operativo Nazionale Cultura e Sviluppo in cui sono presenti, tra gli altri, gli interventi per il Museo archeologico di Napoli, il museo archeologico di Reggio Calabria, la Reggia di Caserta, il Real sito di Carditello, il museo e parco archeologico di Sibari, i Castelli Svevi di Bari e Trani”. Ci sono importanti e attesissimi interventi, da quello per il Museo della Shoah di Ferrara a quello per il ripristino dell’Arena del Colosseo, fino a quello per il Museo dei Giganti di Mont’e Prama a Cabras, in Sardegna. Ecco nel dettaglio gli investimenti previsti per i 12 singoli musei.

18 milioni di euro per la Galleria degli Uffizi di Firenze (per completare il progetto dei “Grandi Uffizi” che incrementa gli spazi espositivi del Museo più visitato d’Italia);
7 milioni di euro per il Polo Reale di Torino (per la valorizzazione del circuito museale e il miglioramento della fruizione del sistema Museale del Polo Reale di Torino intervenendo sulla Cappella della Sindone, sul percorso dei Giardini reali, sul collegamento piano interrato percorso museale);
7 milioni di euro per il Museo Nazionale dell’Ebraismo e della Shoah di Ferrara istituito dalla legge 17 aprile 2003 n. 91 (per il completamento del Museo dell’Ebraismo e della Shoah, di eccezionale significato culturale e storico, la cui realizzazione deve essere accelerata per rispondere ad una domanda in costante crescita);
5 milioni di euro per il Museo delle Navi di Pisa (per il completamento del Museo di Pisa dove saranno esposte le famosissime “navi romane” finora sottratte alla pubblica fruizione per la complessità dell’intervento di restauro e allestimento. Il completamento del Museo contribuisce a rafforzare il polo di attrazione di Pisa, “alleggerendo” la pressione sulla Piazza dei Miracoli ed incrementando notevolmente l’attrattività della città);
2 milioni di euro per il Museo di arte contemporanea di Palazzo Ardinghelli all’Aquila (Realizzazione di un polo per l’arte contemporanea nel Palazzo Ardinghelli nel centro de  L’Aquila);
1,5 milioni di euro per il Museo Archeologico Nazionale di Aquileia (Restauro e valorizzazione del Museo archeologico di Aquileia, a completamento di un percorso culturale di grande potenzialità e straordinaria capacità attrattiva);
1 milione di euro alla Villa romana di Spello (Completamento dello scavo e l’allestimento dell’area archeologica della villa Romana di Spello, rafforzando l’attrattività a livello nazionale di un’area ricca di patrimonio culturale diffuso).
18,5 milioni di euro per l’Arena del Colosseo (un intervento di tutela e valorizzazione volto al ripristino dell’Arena del Colosseo al fine di consentirne un uso sostenibile per manifestazioni di altissimo livello culturale, permettendo nel contempo ad una “domanda” mondiale di fruire di una nuova esperienza di visita di straordinario valore);
7 milioni di euro per la Certosa di Pavia (Restauro e valorizzazione della Certosa di Pavia per l’incremento della attrattività di un territorio di grandi potenzialità turistico-culturali);
7 milioni di euro per l’Arsenale Pontificio di Roma (per realizzare un polo per l’arte contemporanea e le performance di giovani artisti italiani da destinare anche alle attività espositive della Quadriennale di Roma e creare residenze per giovani artisti italiani);
3 milioni di euro per il Ponte degli Alpini di Bassano del Grappa (nell’anno in cui si celebrano i 100 anni dall’inizio della prima guerra mondiale viene finanziato il restauro del Ponte di Bassano: un monumento di grandissimo valore culturale e storico, con rilevanti potenzialità attrattive in un territorio caratterizzato da una presenza di patrimonio diffuso);
3 milioni di euro per il Museo archeologico dei Giganti di Mont’e Prama a Cabras (per realizzare un polo di attrazione di rilevanza nazionale ed internazionale per i Giganti di Mont’e Prama, prevedendo un modello di gestione condiviso tra MiBACT e enti locali).

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community