Viaggio in Sicilia, quando il paesaggio si mette in ascolto. Cinque artisti per Planeta, a Palermo

Cinque artisti e il loro grand tour. L'azienda vinicola Planeta celebra una nuova edizione di "Viaggio in Sicilia": dopo settimane di esplorazioni nel paesaggio e mesi di lavoro, i protagonisti hanno messo insieme una serie di opere inedite, per una mostra a Palermo

Print pagePDF pageEmail page

Hanno attraversato la Sicilia, scoprendo alcuni luoghi strategici del territorio, là dove storia, cultura e natura si incontrano, generando armonie. Catania, Randazzo, il Parco dei Nebrodi, Capo Milazzo, Messina, Vittoria, Sampieri, l’Etna, Modica, Noto, Aragona, Palma di Montechiaro, Sambuca di Sicilia, Menfi… Un lungo “Viaggio in Sicilia”, per la sesta edizione del progetto targato Planeta, storica azienda vinicola siciliana, da sempre attenta all’arte contemporanea. Facendo tappa in alcune cantine di famiglia, cinque artisti hanno ripetuto il rito dell’esplorazione collettiva e meditativa, sul filo degli antichi grand tour europei intrapresi da giovani aristocratici assetati di conoscenza e di bellezza.
E sono, quest’anno, Adrianna  Glaviano (New  York,  1989), Paula Karoline Kamps (Bergisch Gladbach, Germania, 1990), John  Kleckner (Iowa, 1978), Carlo e Fabio Ingrassia (Catania, 1985), Ignazio Mortellaro (Palermo, 1978), i viaggiatori scelti dalla curatrice, Valentina Bruschi, per quest’avventura emozionale ed intellettuale. Ad accompagnarli una scrittrice, Tiziana Lo Porto, chiamata a intessere una narrazione in soggettiva e in tempo reale. Ognuno di loro, dopo aver raccolto suggestioni, collezionato immagini ed appunti, scambiato riflessioni, ha prodotto delle opere, sfruttando i mesi successivi al viaggio.

Viaggio in Sicilia VI - appunti dal tour

Viaggio in Sicilia VI – appunti dal tour

Ne è nata una piccola mostra, costruita con gusto ed equilibrio nella Cappella dell’Incoronazione, a Palermo, sede distaccata del Museo Riso. Il percorso è così evocato da una costellazione di fotografie, dall’astrazione radicale o la figurazione lieve degli interventi pittorici, da alcune installazioni che dialogano con gli spazi stratificati della minuscola chiesa d’origini normanne e dell’affascinante cripta.
Un viaggio nella memoria e nella natura, in cui – come recita il titolo di questa edizione – è il paesaggio a mettersi in ascolto: rovesciando la tradizionale gerarchia, che vede il viaggiatore intento a recepire segni, suoni ed accordi dei luoghi attraversati, è qui il territorio a diventare primo attore, entità sensibile capace di sintonizzarsi sulle frequenze di chi viaggia, dischiudendogli alchimie segrete, invisibili incastri e inquietudini vulcaniche. Sulla scorta di quei versi che Emily Dickinson  – musa ispiratrice del progetto espositivo – dedicò alla Sicilia, sognando L’Etna e il Vesuvio: il fuoco sacro dell’arte e della poesia, incarnato nel piano miracoloso della natura e nelle sue infinite connessioni.

Helga Marsala

“Viaggio in Sicilia. Quando il paesaggio è in ascolto”
Planeta per l’Arte e il Territorio, VI edizione
a cura di Valentina Bruschi
fino al 2 agosto 2015
Cappella dell’Incoronazione, Palermo

Riprese: Bruno Bonafede
Montaggio: Manfredi Bernardini
Cordinamento e interviste: Helga Marsala
Produzione: Artribune Television per Planeta

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community