Sarà il cileno Alejandro Aravena il direttore della Biennale di Architettura 2016. “Una mostra dedicata alle frontiere dell’architettura nel mondo”

Print pagePDF pageEmail page

Alejandro Aravena (foto Cristobal Palma)

Alejandro Aravena (foto Cristobal Palma)

DOPO UNA BIENNALE DI RICERCA, UNA DI FRONTIERA
Dopo la grande Biennale di ricerca sviluppata da Rem Koolhaas, e interamente dedicata alla ricerca del curatore, si ritiene di dover dar vita a una Biennale che convochi gli architetti e dedicata all’indagine sulla frontiera delle realizzazioni che dimostrano la vitalità dell’architettura, frontiera che attraversa varie parti del mondo e che vede l’architettura impegnata a dare precise risposte a precise domande”. Con queste parole il Presidente della Biennale di Venezia, Paolo Baratta, ha annunciato la nomina di Alejandro Aravena a Direttore della 15. Mostra Internazionale di Architettura, che si terrà dal 28 maggio al 27 novembre 2016.

ARCHITETTURE CAPACI DI SCOSTARSI DALLO STATUS QUO
La mostra si concentrerà e imparerà dalle architetture che attraverso l’intelligenza, l’intuizione o entrambe allo stesso tempo, sono capaci di scostarsi dallo status quo”, ha dal canto suo anticipato lo stesso direttore. “Ci sono numerose battaglie che devono ancora essere vinte e molte frontiere che devono necessariamente espandersi per migliorare la qualità dell’ambiente edificato e, di conseguenza, per migliorare la qualità della vita delle persone. Questo è quello che vorremmo la gente venisse a vedere alla Mostra di Architettura: storie di successo che meritano di essere raccontate, casi esemplari che vale la pena condividere e in cui l’architettura ha fatto, sta facendo e dove farà la differenza in queste battaglie e per queste frontiere”.

UN CILENO CHE HA STUDIATO A VENEZIA
Alejandro Aravena (Cile, 1967) dopo la laurea in architettura presso l’Università Cattolica del Cile nel 1992 ha studiato Storia e Teoria allo IUAV di Venezia. Nel 1994 ha fondato lo studio Alejandro Aravena Architetti: fra i suoi lavori si contano diversi edifici per l’Università Cattolica, fra cui recentemente l’Angelini Innovation Center (2014), l’Università di St. Edwards a Austin, Texas (2008), il Children Workshop and Chairless per Vitra in Germania (2008), le stanze per scrittori della Michalsky Foundation in Svizzera (2015), un edificio per Novartis nel loro nuovo campus in Cina (2015). Nel 2013 è stato selezionato per il nuovo Centro per le Arti Contemporanee di Mosca e ha vinto il concorso per la Borsa di Teheran in Iran. Nel 2008 ha vinto il Leone d’Argento alla 11. Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia.

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community