Sarà a Londra la sesta sede di Tornabuoni Arte. Si espande il network galleristico partito da Firenze: inaugurazione a ottobre a Mayfair con Lucio Fontana

Print pagePDF pageEmail page

Fontana, Concetto spaziale, attese, 1966

Fontana, Concetto spaziale, attese, 1966

Se non fa concorrenza a sua maestà Gagosian, ormai poco ci manca. Dopo Firenze, Crans-Montana, Milano, Portofino, Forte dei Marmi e Parigi, ora arriva il sesto spazio espositivo, a Londra. Di chi parliamo? Di Tornabuoni Arte, che annuncia l’apertura del nuovo spazio nell’ottobre del 2015: dove, non c’è neanche bisogno di chiederlo, nel quartiere di Mayfair, ormai meta quasi obbligata per i galleristi anche italiani in cerca di sede di là dalla Manica. Da Ronchini a Cardi, a Mazzoleni, ultimo della serie.
Nel caso di Tornabuoni poi ai significati artistici si affiancheranno quelli architettonici: visto che lo spazio sarà progettato da Marco Casamonti, titolare dello Studio ArcheaFirenze, figlio del fondatore della galleria Roberto e fratello di Ursula, che la dirigerà in prima persona. Situata in posizione strategica su Albemarle Street, la galleria – caratterizzata da due spazi espositivi su due piani – si porrà in linea con il programma della casa madre di Firenze, focalizzata sull’arte del dopoguerra e del Novecento.
La mostra inaugurale celebrerà – dall’8 ottobre al 15 dicembre prossimi – l’opera di Lucio Fontana, con più di 40 opere iconiche dell’artista: in seguito sono già in programma una collettiva di maestri italiani degli anni ’50 e ’60, una personale di Alighiero Boetti, la prima mostra a Londra di Luca Pignatelli e personali di Arnaldo Pomodoro e della giovane artista Francesca Pasquali.

www.tornabuoniarte.it

 

 

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community