Presentata Laura Carlini Fanfogna, nuova direttrice dell’Istituzione Bologna Musei. In arrivo un nuovo responsabile/curatore per il MAMbo?

Print pagePDF pageEmail page

La presentazione di Laura Carlini Fanfogna, nuova direttrice dell’Istituzione Bologna Musei

La presentazione di Laura Carlini Fanfogna, nuova direttrice dell’Istituzione Bologna Musei

SEPARARE LA NOMINA DEL DIRETTORE DAL MANDATO DEL SINDACO
Dopo l’uscita di scena di Gianfranco Maraniello (ora in carica al Mart), il concorso repentino e l’attesa sulla nomina, arriva la prima uscita ufficiale per Laura Carlini Fanfogna da neodirettrice dell’Istituzione Musei (e del MAMbo). Nella conferenza aperta dal presidente Lorenzo Sassoli De Bianchi l’attenzione va immediatamente alla conformazione dell’Istituzione che viene definita come “un unico museo enciclopedico” alla stregua del Metropolitan di New York o del Louvre a Parigi, con la particolarità di essere diffuso sul territorio cittadino. Sempre De Bianchi rimarca la necessità di correggere l’anomalia che ha portato alla situazione attuale, separando la nomina del direttore dal mandato del sindaco. Il presidente conclude sottolineando la necessità di operare in equilibrio integrando progetti per un pubblico ampio al coraggio di lavorare sulla giovane arte e sulla sperimentazione.

CONTINUITÀ CON LA DIRIGENZA PRECEDENTE, COLLABORAZIONI CON PUBBLICO E PRIVATO
L’intervento della Carlini è breve e conciso, ma al contempo tende a non lasciare questioni sospese. La continuità con la dirigenza precedente è assicurata e si verrà a delineare nel programma previsto almeno fino alla prossima primavera. L’attività del MAMbo usufruirà di importanti collaborazioni con enti pubblici e privati del territorio: dalla mostra Gradi di libertà, che inaugurerà il 18 settembre in collaborazione con la Fondazione Golinelli, alla partnership con il Festival Foto/Industria del Mast, dal progetto speciale su Pier Paolo Pasolini in collaborazione con la Cineteca fino al programma per Art City durante Arte Fiera che festeggia i suoi primi 40 anni. La neo direttrice però non dimentica di citare anche i grandi progetti degli altri musei dell’Istituzione che presiede, con particolare riferimento ad una importante mostra sull’arte egizia che si terrà nell’autunno al Museo Archeologico in collaborazione con il museo di Leiden.

IN ARRIVO UN NUOVO RESPONSABILE/CURATORE PER IL MAMBO?
In chiusura la parola passa ad Alberto Ronchi, assessore alla Cultura, che ricordando gli sforzi che hanno portato alla nascita di un’Istituzione unica, ha parlato di un dialogo stretto con il Cda che porterà alla revisione di modelli e regole, con riferimento a quanto detto da Sassoli sulla questione dell’autonomia dalla politica. Dopo aver ringraziato pubblicamente Maraniello per il suo operato, l’assessore ha anche lasciato intendere che una delle possibili strade per il futuro sia mantenere la figura del direttore dell’intera Istituzione alla quale si potrebbe affiancare un responsabile/curatore per il MAMbo.

Claudio Musso

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community