Lo Strillone: mancano i custodi: Ercolano chiude e lascia fuori i turisti sul Corriere della Sera. E poi Tempio della Pace, Fondazione Rosselli, Expo di Milano

Print pagePDF pageEmail page

Ercolano

Ercolano

Mancano i custodi: Ercolano chiude e lascia fuori i turisti”. I mali profondi dell’Italia del patrimonio sono duri da superare, e il Corriere della Sera li porta in piazza: “È bastato che uno dei custodi si ammalasse e il precario equilibrio su cui si basa una delle aree archeologiche più importanti d’Italia è saltato. Alle 13 gli aspiranti visitatori hanno trovato i cancelli sbarrati”. Come è possibile? “Una situazione che, tradotta in cifre, prevede per Ercolano sei o sette custodi al massimo per ogni turno (mattina, pomeriggio, notte), incaricati di controllare tre ingressi e un’area dl oltre quattro ettari. Cosi, si legge in una nota, si riesce a garantire la tutela del monumento, ma non l’ottimale pubblica fruizione, obbligandoci nel migliore dei casi a un’apertura a rotazione di alcune delle più significative domus del sito”.

Il restauro delle polemiche: cemento armato al Foro romano. La Repubblica ritorna sul dibattito legato alla ricostruzione di 7 colonne del portico del Tempio della Pace: “Il caso finisce in Parlamento: un’interrogazione chiede di bloccare i lavori o scatterà la denuncia per danni al patrimonio”. “A Torino c’è già chi lo definisce un nuovo caso Grinzane, lo scandalo che ha portato alla condanna del patron-fondatore del premio letterario Giuliano Soria”. Il Giornale parla della Fondazione Rosselli, think tank torinese legato all’area dell’azionismo-socialismo cittadino, svelando che per ora nei conti “c’è un buco che sfiorai tre milioni di euro. Carte, conti e documenti sono nelle mani degli ispettori della Prefettura”. Ieri si parlava di stranieri che latitano: oggi è il caldo a regalare gli onori delle cronache all’Expo di Milano. Il Giorno informa a causa delle alte temperature è stato chiuso il Padiglione degli Emirati arabi: sono andate in tilt alcune strumentazioni.

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community