Provando ad afferrare il vento. Federico Gori a Palazzo Fabroni

Foglie di rame sospese per aria, cortecce, radici, zolle di terra. A Palazzo Fabroni si celebrano la natura e il flusso del tempo. Provando a dare una forma al vento

Print pagePDF pageEmail page

“Come afferrare il vento” è la mostra di Federico Gori, in corso fino al prossimo 26 luglio a Pistoia, composta da 11 tra installazioni, opere a parete, sculture e video, legate tra loro dal tema del tempo che si intreccia con la natura. Un viaggio in un’altra dimensione, uno spazio in cui la natura domina incontrastata, un tempo non più misurabile, con l’uomo che è solo una memoria in sottofondo.
La ciclicità del tempo e l’eterno ritorno sono temi che indago da alcuni anni”, spiega Gori, 38 anni, “e questa mostra è una summa del mio percorso. “Come afferrare il vento”  va inteso in senso ambivalente: la ricerca vana di un proprio equilibrio, ma anche l’indicazione per cercare di ottenerlo”.

Federico Gori, Come afferrare il vento - Palazzo Fabroni, Pistoia, 2015

Federico Gori, Come afferrare il vento – Palazzo Fabroni, Pistoia, 2015

La mostra, pensata per gli spazi al secondo piano di Palazzo Fabroni, si snoda come fosse un film, con una prima e una seconda parte. Funge da prologo la prima stanza, l’unica ad essere illuminata dalla luce naturale, mentre scesi tra gradini si giunge nello spazio “Underground”, per vedere centinaia di radici di alberi incise su rame ossidato naturalmente. Un materiale che è simbolo del cambiamento naturale e del trascorrere del tempo.
La sensazione di atemporalità tocca l’apice nell’opera che dà il titolo alla mostra: un migliaio di foglie di rame sospese a varie altezze. La bellezza di una folata di vento, imprigionata per sempre in un attimo.
Dedicata all’elemento “terra” la seconda parte, con sei grandi tele che raffigurano tramite il frottage le “Cortecce” di alberi secolari: è la natura che dipinge se stessa. Infine“13/12” è una serie composta da zolle rielaborate con la terracotta, scavate da mani umane e racchiuse in teche di vetro. La sacralità della natura. E il ritorno alle radici.

Luca Giuntini

 Federico Gori, “Come afferrare il vento”
a cura di Marco Pierini
fino al 26 Luglio 2015
Pistoia, Palazzo Fabroni – Via Sant’Andrea 18
www.palazzofabroni.it

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community