Il sistema artistico pugliese che guarda all’Europa. A Lecce CreArt incontra ArTVision per una mostra di video e una performance di Luigi Presicce

Print pagePDF pageEmail page

ArTVsion - Torre Guaceto

La fenomenologia della storia territoriale riletta attraverso l’ottica artistica. L’arte contemporanea fruita nel suo dasein, in una visione che Baumann definirebbe glocal: un collegamento costante, un dialogo sempre aperto, una rete di comunicazione tra realtà locali e internazionali. Sono i principi basilari che sottendono CreArt, progetto per la valorizzazione dei talenti creativi emergenti – che coinvolge, tra le altre, le città di Valladolid per la Spagna, capofila dell’iniziativa culturale, e Lecce e Genova per l’Italia – con la direzione artistica, per il Comune di Lecce, di Lorenzo Madaro, e ArTVsion, a live art channel, canale transmediale dedicato all’arte contemporanea che include le zone dell’Albania, Croazia, Montenegro, Puglia e Veneto e di cui Artribune è media partner.
Ora i due progetti europei per la comunicazione culturale – in collaborazione con la Fondazione Pino Pascali di Polignano a Mare – s’incontrano e danno vita a Lecce, negli spazi dell’ex convento dei Teatini, dal 25 giugno al 9 luglio, a CreArt invita ArTVision, una mostra per immagini video targata ArTVision. Differenti i temi affrontati per l’evento artistico, a ingresso libero, che hanno come fil-rouge la dimensione territoriale salentina: l’opera di Luigi Presicce (in una performance curata da Marinilde Gianandrea), le attività del Teatro Koreja di Lecce e la trasformazione di Torre Guaceto da riserva naturale a naturale contesto espositivo per l’arte, il workshop e la mostra Southern Photographs e l’esperienza di Lecce Capitale europea della cultura.

Cecilia Pavone

creart-eu.org
artvision.agency

 

 

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community