Il collo di Oliver Osborne. Nuovo esordio da Giò Marconi

Galleria Giò Marconi, Milano – fino al 23 luglio 2015. La prima personale dell’artista scozzese introduce in Italia una serie di dipinti che rendono la galleria una scacchiera tra astrazione e fisicità. Tra non-colori e scene perfettamente ritagliate, asportate al reale. Una mostra completa, decisa, silenziosissima.

Print pagePDF pageEmail page

Oliver Osborne - The Neck – veduta della mostra presso la Galleria Giò Marconi, Milano 2015 - photo Filippo Armellin

Oliver Osborne – The Neck – veduta della mostra presso la Galleria Giò Marconi, Milano 2015 – photo Filippo Armellin

Con il titolo The Neck, Giò Marconi presenta un percorso di un altro artista mai esposto in Italia, Oliver Osborne (Edimburgo, 1985; vive a Berlino). Tra la metafora e l’anatomia comparata, The Neck rende la superficie pittorica un campo in cui il dominio visivo e formale pare essere dosato con enorme cautela. Ma non con parsimonia, piuttosto con dovizia. L’origine dell’immagine, il suo punto di giunzione con il reale viene rimesso a una ficus elastica, a un piccolo vaso arancione, un dettaglio di una donna incinta, un uomo delle caverne oppure un cane, figure che, abbandonata ogni appartenenza al processo rappresentativo, tornano a inserirsi in un flusso linguistico. Un grande lago in cui la pittura – impastando olio, acrilico e serigrafia – compie ricognizioni a pelo libero sulle trasparenze, tra geometrie insondabili e profondità lucide. Osborne descrive, fra lavori di media e piccola dimensione, uno stato delle cose facendo aderire i termini, le definizioni del vivere al processo del dipingere.

Ginevra Bria

Milano // fino al 23 luglio 2015
Oliver Osborne – The Neck
GIÒ MARCONI
Via Tadino 20
02 29404373
[email protected]
www.giomarconi.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/45653/oliver-osborne-the-neck/

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community
  • cianci patrizio

    mamma mia non si capisce niente i critici hanno il linguaggio del nulla…