Bastano 13 opere per fare una grandissima mostra di Giotto. Ecco cosa si vedrà a settembre a Palazzo Reale di Milano

Print pagePDF pageEmail page

Giotto, Polittico Baroncelli

Giotto, Polittico Baroncelli

Avete già decretato che quella di Leonardo aperta fino al prossimo 19 luglio a Palazzo Reale di Milano sarà la mostra dell’anno 2015? Forse siete stati un po’ precipitosi: perché quantomeno dovreste aspettare il 2 settembre, quando la stessa location vi metterà davanti agli occhi un appuntamento che potrebbe farvi tornare sulla vostra decisione. Una mostra che riunirà ben 13 opere di Giotto, prevalentemente su tavola, nessuna delle quali prima esposta a Milano: “una sequenza di capolavori assoluti mai riuniti tutti insieme in una esposizione. Ognuno di essi ha provenienza accertata e visualizza quindi il tragitto compiuto da Giotto attraverso l’Italia del suo tempo, in circa quarant’anni di straordinaria attività”.
L’evento espositivo che concluderà il semestre di Expo 2015, curato da Pietro Petraroia e Serena Romano con un progetto allestitivo di Mario Bellini, prenderà il via dalle opere giovanili come il frammento della Maestà della Vergine da Borgo San Lorenzo e la Madonna da San Giorgio alla Costa, passando per la tavola con Dio Padre in trono proveniente dalla Cappella degli Scrovegni, per chiudersi con il polittico di Bologna e il polittico Baroncelli, dall’omonima cappella di Santa Croce a Firenze, che nell’occasione della mostra verrà ricongiunto con la sua cuspide, raffigurante il Padre Eterno, conservata nel museo di San Diego in California. Noi anticipiamo l’evento con una serie di immagini…

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community