New York Updates: il Public Art Fund porta Jeppe Hein nel nuovo Brooklyn Bridge Park. Panchine fluo per sedersi a guardare Manhattan

Print pagePDF pageEmail page

Jeppe Hein, Brooklyn Bridge Park, New York

Ancora non ha inaugurato (opening previsto per domenica) il progetto di arte pubblica di Jeppe Hein lungo le rive dell’East River, ma già funziona. Le panchine progettate dal quarantenne artista danese per il fantastico Brooklyn Bridge Park sono state già prese d’assalto. Il parco è una delle più clamorosamente riuscite realizzazioni delle giunte di Michael Bloomberg, popolato da tantissime persone non solo durante i fine settimana: verde, cibo, qualità, sport, relax di fronte allo skyline della bassa Manhattan laddove c’erano solo le banchine del porto.
Il progetto di Hein consiste – oltre che nelle sue tradizionali stanze d’acqua, perfette per la calda primavera newyorkese e attesissime dai bambini – in una serie di sedici panchine di colore rosso acceso sparse lungo tutta la lunghezza del parco e in un labirinto di specchi. Il tutto sotto l’esplicativo titolo di “Please Touch the Art”. La mostra – la più grande di Hein in uno spazio pubblico negli Stati Uniti – è curata e prodotta dal Public Art Found, l’organizzazione no profit newyorkese che da 90 anni si occupa di portare l’arte, gratuitamente, nell’ambiente urbano. Una scusa eccezionale, questa mostra, per visitare il Brooklyn Bridge Park: 34 ettari di rivitalizzazione urbanistica da mozzare il fiato.

www.brooklynbridgepark.org 

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community