New York Updates: come stanno andando le vendite a Frieze? Philip Guston piazzato per 6 milioni da McKee (che però chiude bottega) e altre storie

Print pagePDF pageEmail page

Philip Guston, Actor, 1958, alla McKee gallery

Philip Guston, Actor, 1958, alla McKee gallery

Come stanno andando le vendite nelle prime giornate di apertura di Frieze? La fiera sull’isola di Randall non è tradizionalmente un luogo dove si vende tantissimo (tanto, ma non tantissimo), ma ciò nonostante non sembrano mancare i buoni affari da parte di alcuni galleristi. Qualche esempio? Acquavella ha venduto Wayne Thiebaud per più di 1 milione, Ed Ruscha per più di 300mila dollari; Spruth Magers ha invece venduto Richard Artschwager per 200mila dollari e Barbara Kruger per 150mila. Il gallerista David Kordansky ha venduto tutto così come, praticamente, Victoria Miro che aveva un brutto Chris Ofili e una bella Kara Walker oltre che Peter Doig e Grayson Perry. I californiani di Blum&Poe hanno piazzato Carrol Dunham per 550mila dollari mentre la galleria McKee, che ha annunciato la sua chiusura, ha venduto gli straordinari Philip Guston per oltre 6 milioni di dollari.
E invece gli italiani? “La fiera è iniziata bene con un bilancio positivo. C’è tanto interesse per Joan Jonas. Ma anche per l’italiano Francesco Arena. E poi puntiamo tanto su Zoe Leonard che avrà a breve una personale al MoMA oltre che su Kimsooja che riceverà in Corea un importante premio dalla Samsung” ci raccontano dalla Galleria Raffaella Cortese di Milano. Positivi anche i commenti da T293 di Roma e Napoli: “l’inaugurazione è andata molto bene, i collezionisti americani sono rimasti positivamente colpiti dalla personalità dei lavori che abbiamo esposto e hanno voluto saperne di più su Martin Soto Climent e Henrik Olai Kaarstein“.

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community