Inpratica. Taranto Opera Viva: taccuino critico (I)

Gli appunti di questo taccuino critico hanno accompagnato il progetto di Alessandro Bulgini dal 18 marzo al 18 aprile. La mostra “Taranto Opera Viva” è visitabile fino al 16 maggio presso Palazzo Pantaleo. Qui vi raccontiamo il backstage.

Print pagePDF pageEmail page

Alessandro Bulgini, La zattera (Taranto Opera Viva, 2015)

Alessandro Bulgini, La zattera (Taranto Opera Viva, 2015)

18 MARZO 2015 – GIORNO UNO
Come Bruce Sterling fa dire a uno dei personaggi di Fuoco sacro (1996): “Noi non vogliamo rendere il mondo un posto migliore: vogliamo renderlo un posto più interessante”.
La nostra difficoltà consiste ormai nel non riuscire a compiere un gesto senza la “garanzia del successo”: che tutto cioè andrà bene, sicuramente. Senza un percorso ben definito e chiaro, senza essere sicuri che riusciremo, non muoviamo un dito; abbiamo una grande difficoltà a iniziare, a muoverci. E questa è la ragione del vero fallimento – la coazione a ripetere, l’infinita replica del passato.
Se ci consegnassimo psicologicamente alla possibilità del fallimento, allora – e solo allora – staremmo adottando la giusta predisposizione. La disposizione d’animo. Qualcosa di veramente importante si realizza solo se prima era impensabile, inconcepibile, impossibile – inesistente.
Allo stesso modo, dobbiamo fuoriuscire dalle ricette, dal “sifacosì”.
Costruire il futuro vuol dire innanzitutto acquisire la sua prospettiva: smettere cioè immediatamente di pensarci alla fine di una storia, di una catena, e considerarci invece all’inizio di un altro processo. Ragionare dunque sulle caratteristiche formali e sul funzionamento interno di questo futuro: di questa nuova storia. Come appare una città in uno scenario del genere?

Alessandro Bulgini, L' Schfaridd (Taranto Opera Viva, 2015)

Alessandro Bulgini, L’ Schfaridd (Taranto Opera Viva, 2015)

***

E allora, com’è fatto questo futuro – possibile, reale, concreto?
Condivisione. Riciclo. RIUSO.
Tecnologia e biologia: biopunk. Collaborazione. Socialità. Povertà.
Molto povero, ma di una povertà intelligente e industriosa; una povertà scelta e non subìta. Una povertà felice, tutto sommato. Perché rifiuta lo stato precedente. Lo stato di realtà che regolava l’esistenza disfunzionale nel e del mondo-di-prima. (Ecco: dobbiamo iniziare a considerare questo grado di civiltà di cui facciamo esperienza, già adesso, come il mondo-di-prima, mentre ancora dura la sua fine.)
Il futuro – mentre cola nel presente, e diventa pian piano presente – combina dunque un atteggiamento post-apocalittico con la positività di un altro inizio (sempre presente d’altronde nella post-apocalisse…), fondato su altre basi, altri presupposti: CURA-DISPONIBILITÀ-CONSOLAZIONE-ESPERIENZA-RITUALE.
Il futuro è aperto al senso di possibilità – e non assolutamente refrattario a ogni alternativa, come il presente. Il futuro è un’alternativa realizzata.
Acquisire un’ottica, un punto di vista – e attraverso quella guardare e interpretare il mondo: i dati e i frammenti di reale che sono a nostra disposizione, che esistono e che ci circondano sono in grado oggi di dirci la “forma del futuro” (Bruce Sterling). Basta osservarli con attenzione.
Collegare e connettere le informazioni all’interno di una visione coerente, di un’idea personale dello scenario presente e futuro. Come ci si può infatti muovere, o anche solo tentare di capire, se non si possiede un’idea quanto più salda di dove-si-è, della propria posizione come individui e come società nella storia? E, soprattutto, se non si ha un’idea chiara di dove si vuole andare?
Se ti fai trasportare dal flusso, allora tutto ciò che ti accade è incomprensibile.
(La comprensione critica è attivismo.)

Alessandro Bulgini, Il Parabordo (Taranto Opera Viva, 2015)

Alessandro Bulgini, Il Parabordo (Taranto Opera Viva, 2015)

***

Taranto, Città Vecchia: Caffé Letterario, ore 10.
Portare. Portare. Trasportare. Transizione. Transigere. MOVIMENTO.
La sopravvivenza – e l’accesso al futuro – avviene solo muovendosi. La stasi è morte: lo “stare mortale” delle cose. Il movimento è vita. Rinchiudersi nel proprio guscio, amplificare il corporativismo, recidere i legami con il mondo e con gli altri non garantisce alcuna salvezza. È anzi il modo più sicuro e rapido per condannarsi all’inpermanenza.

***

Osteria Mena Mena Mè, ore 14.
Circolo ricreativo S. Giuseppe FORZA TARANTO.
Ilvoluzione”, recita il murale davanti a Mena Mena Mè. Tra Ilva, Evoluzione, Involuzione: delfino-pesce-cetaceo-crostaceo mutante (a causa dei veleni). EVOLUZIONE: MUTAZIONE.
E il ragazzino Giuseppe della piazza S. Giuseppe mi ha appena chiesto: “Che stai scrivendo?”.
Orrendo” per lui vuol dire bello: inversione di senso, che forse è la chiave per penetrare il segreto di questo posto. Della cozza appena decorata da Alessandro – tra poco Giuseppe ne decorerà una ventina, che donerà con grande nonchalance all’Oratorio “per domani, S. Giuseppe” (ovviamente) – ha detto infatti: orrendo.

Alessandro Bulgini, Taranto Opera Viva (2015)

Alessandro Bulgini, Taranto Opera Viva (2015)

***

Caratteristiche fondamentali di questi oggetti / opere / nonopere: accumulazione; decorazione “utile”; dal rifiuto e dal sommerso, valori emergenti.
Ambiente umano, cordiale, accogliente – futuristico in senso totalmente alternativo e positivamente decadente. E non è l’aggettivo giusto, lo so, ma al momento è l’unico disponibile: compito di questo mese sarà anche trovare l’aggettivo che riesca a catturare il meraviglioso squallore, lo splendore fatiscente, l’abbagliante rovina di questa piazzetta.

Christian Caliandro

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/44505/alessandro-bulgini-taranto-opera-viva/

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community