Il gioco della settimana. Insieme a Melania G. Mazzucco

“Il museo del mondo” è un personalissimo zibaldone artistico. Lo ha compilato Melania G. Mazzucco in un libro edito da Einaudi. Con un’opera per ogni settimana dell’anno.

Print pagePDF pageEmail page

Giotto, La resurrezione di Lazzaro, 1303-05 ca. - Cappella degli Scrovegni, Padova

Giotto, La resurrezione di Lazzaro, 1303-05 ca. – Cappella degli Scrovegni, Padova

Benché venga spesso citato a sproposito, l’idea di “museo immaginario” che André Malraux consegna a uno dei suoi testi raccolti ne Les Voix du silence (1951) ha scavato un solco per l’appunto nell’immaginario comune. Si è tramutato in una sorta di best of, che è cosa ben diversa da quella che l’intellettuale parigino intendeva, ma si tratta comunque di un’eredità – tradita, d’accordo: ma solo il tradimento testimonia di un erede degno di tal nome – che trova talora incarnazioni degne di nota.
Una di queste l’ha consegnata a un volume Melania G. Mazzucco, la quale – sia chiaro per dovere di cronaca e a sua “discolpa” – non cita affatto Malraux. Con mestiere e insieme passione, consegna alle pagine de Il museo del mondo (Einaudi, pagg. 240, € 33) una sorta di personalissimo zibaldone artistico. E lo fa ponendosi – a monte o a valle, poco importa – limiti precisi.
Il primo è affidato alla citazione in esergo, che recita: “Il racconto è lo scopo di ogni arte”. Parole di Edvard Munch che in qualche modo legittimano e dichiarano una posizione chiara: qui si fa dello storytelling di qualità. Che è poi la missione di una narratrice di razza come la Mazzucco.

Melania G. Mazzucco - Il museo del mondo

Melania G. Mazzucco – Il museo del mondo

Una scrittrice che con l’arte visiva ha sempre flirtato: esordisce nel 1996 con Il bacio della Medusa, prosegue con La camera di Baltus (1998), fino all’innamoramento per Tintoretto – galeotta fu la Presentazione di Maria al Tempio alla Chiesa della Madonna dell’Orto a Venezia – espresso in La lunga attesa dell’angelo (2008) e Jacopo Tintoretto & i suoi figli (2009).
Gli altri criteri sono forse più prosaici, ma in fondo perché dispregiare la prosa? L’autrice racconta di una sua mania, di una collezione disordinata e warburghiana, composta dalle cartoline acquistate a ogni visita di museo o galleria, chiesa o cripta. Da questo catalogo assolutamente non generale ha effettuato un prelievo, usando un numero pretestuoso per costituire un argine: il 52, come le settimane dell’anno. E così terminano le griglie, le scelte: non si seleziona un medium, non c’è ordine cronologico o tematico o geografico. Anzi no, non terminano così, perché l’opera dev’essere stata vista da chi ne scrive: “Devo aver visto l’opera coi miei occhi. Da vicino. Averle girato intorno, averla annusata, aver visto le crepe sulla superficie. […] E infine, ma soprattutto, devo desiderare di rivederla”.
Curiosi di sapere quali sono le opere? Si comincia con Ad Parnassum di Paul Klee e si chiude proprio con la Presentazione di Tintoretto; e in mezzo, la Camera da letto di Georg Baselitz e il Sol Invictus di Anselm Kiefer, la Resurrezione di Lazzaro di Giotto e Full Fathom Five di Pollock

Marco Enrico Giacomelli

Melania G. Mazzucco – Il museo del mondo
Einaudi, Torino 2014
Pagg. 240, € 33
ISBN 9788806223144
www.einaudi.it

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #23

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community