Dynamo Camp. Il divertimento è una cosa seria

Luxury e sociale si incontrano, grazie a Gentleman for Dynamo, la prima asta di life style organizzata in Italia. I lotti racchiudono oggetti di lusso, moda e design, ma anche viaggi ed esperienze uniche. Il ricavato della vendita sarà interamente devoluto a favore di Dynamo Camp: la struttura di terapia ricreativa fra le colline toscane, che ospita gratuitamente bambini affetti da gravi patologie.

Print pagePDF pageEmail page

Gentleman for Dynamo - Cassina Tabouret

Gentleman for Dynamo – Cassina Tabouret

UNA STORIA MAGICA
L’isola che non c’è esiste davvero. Si trova a Limestre, in provincia di Pistoia. Qui, in un’oasi del WWF di oltre 900 ettari, sorge Dynamo Camp: la prima struttura di terapia ricreativa in Italia, che ogni anno regala a 1.200 bambini affetti da gravi patologie una settimana di divertimento e serenità.
Il progetto è nato nel 2003, dall’incontro fra l’imprenditore Enzo Manes con Paul Newman. Il divo dagli occhi blu divise la propria vita destreggiandosi fra i set cinematografici e l’attività filantropica e, oltre a pellicole indimenticabili, ci ha lasciato in eredità un modello di camp di terapia ricreativa, che conta 28 centri in partnership in tutto il mondo, a cominciare da Dynamo.

Gentleman for Dynamo - Venini Geacolor

Gentleman for Dynamo – Venini Geacolor

TERAPIA RICREATIVA NELLA NATURA
A Limestre uno staff composto da medici e volontari opera nella convinzione che i bambini malati abbiano il diritto di essere semplicemente bambini. Così i giovani ospiti sconfiggono le proprie paure attraverso l’ippoterapia e l’arrampicata, ritrovano il sorriso cimentandosi col tiro con l’arco e con la scuola di circo ed esprimono il proprio mondo interiore tramite il teatro. Con l’Art Factory l’arte entra nel camp e Dynamo diventa soggetto attivo nel settore creativo. Un progetto reso possibile grazie al sostegno di gallerie prestigiose ed artisti affermati, che trascorrono al camp una settimana come volontari. La magia del luogo e l’energia dei piccoli ospiti incontrano l’estro degli artisti. Il risultato è straordinario: opere realizzate a più mani esposte nell’Art Gallery in loco a fronte di donazioni per la raccolta fondi.
Ma l’energia di Dynamo ci porta sempre più in alto. In cima al promontorio, una struttura trasparente custodisce una piscina che, munita di un apposito scivolo, consente di entrare in acqua con le sedie a rotelle; perché a Limestre il gioco è davvero senza frontiere!
Se inizialmente il camp accoglieva sessanta ragazzi, dopo otto anni di attività, ne ospita 1200. Aumentano dunque i posti letto, le patologie trattate, i donatori, i progetti e soprattutto i sorrisi. Ma i piccoli eroi a cui restituire la dignità dell’infanzia sono ancora tantissimi e Dynamo non si ferma qui.

Gentleman for Dynamo - Bulgari Serpenti Tubogas

Gentleman for Dynamo – Bulgari Serpenti Tubogas

GENTLEMAN FOR DYNAMO
Nel 2015 Paul Newman avrebbe compiuto novant’anni. Per ricordare e accrescere l’eredità morale del padre, la figlia Clea, consigliere della Newman’s Own, Foundation, ha deciso di organizzare una serie di eventi charity a favore della fondazione. Dopo il galà inaugurale di New York, il secondo party si è svolto all’Alcatraz di Milano. Durante la serata è stata presentata Gentleman for Dynamo: la prima asta di life style realizzata in Italia, organizzata da Class Editori per raccogliere fondi a favore del camp.
Un team, coordinato dal Direttore di Gentleman Giulia Pessani, ha selezionato 120 items esclusivi. I lotti vanno dal lusso alla moda, dall’arte al e design, ma racchiudono anche esperienze uniche, come cucinare con lo chef Davide Oldani, partecipare al Concorso d’eleganza Villa d’Este o farsi ritrarre dal celebre fotografo Giovanni Gastel. Se i romantici possono scegliere una visita privata nella chiesa di San Marco a Venezia, i più sportivi opteranno per una lezione con il campione di fioretto Giorgio Avola o con il golfista Matteo Delpodio. Ce n’è, insomma, per tutti i gusti.

Federica Galassi

gentlemanfordynamo.org

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community