Anna Franceschini messa al muro a Bolzano. Ecco le immagini del video che inaugura la rassegna sulla facciata mediale del Museion

Print pagePDF pageEmail page

Anna Franceschini, The diva who became an alphabet, Museion (foto Luca Meneghel)

Anna Franceschini, The diva who became an alphabet, Museion (foto Luca Meneghel)

Da anni è un must per gli appassionati d’arte di passaggio – o in vacanza estiva – in zona Dolomiti: uno spettacolo sempre coinvolgente, come può essere quello di un intero museo che si trasforma in schermo per proiezioni di videoarte. Il museo è il Museion di Bolzano, e lo “schermo” è la stessa facciata mediale della futuristica struttura del berlinese studio KSV, che da maggio a settembre propone appunto una nuova rassegna dal titolo Intermezzo, inteso come “confine tra spazi e momenti diversi, museo e città, giorno e notte. Ma anche come luogo di massima libertà espressiva e sperimentazione”.
Ad aprire il ciclo giovedì 28 maggio è l’artista Anna Franceschini (Pavia, 1979) con il lavoro The diva who became an alphabet |, ||, ||| and some remnants (la diva che divenne un alfabeto …ed alcuni scampoli). Nel video – di cui vedete alcuni still nella gallery -, girato in 16 mm e poi riversato in digitale, “un carattere tipografico antropomorfo ha fattezze di un volto femminile, che si nasconde, ammicca e seduce, giocando tra le pieghe di diversi tessuti e tra le maglie dell’architettura del museo”. Gli altri protagonisti del ciclo 2015, che vede anche nascere nuove collaborazioni, come quella con Careof e Viafarini di Milano, saranno Cristina Rizzo e Riccardo Benassi e poi lo Studio MUT (Thomas Kronbichler e Martin Kerschbaumer).

Giovedì 28 maggio 2015
ore 21.00 conversazione con l’artista
ore 22-23.30 proiezione
Museion Facciata Mediale
Piazza Piero Siena 1 (ex Via Dante 6) – Bolzano
www.museion.it

 

 

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community